«In Turchia la polizia è fuori controllo. I curdi del Pkk sono le principali vittime e per stanarli non esitano a bombardarli con barili incendiari». A dirlo è Claudio Tamagnini, attivista politico di 63 anni, originario di Alcamo (Sicilia) arrestato in Turchia il 25 luglio e liberato dopo dieci giorni di detenzione a Nusaybin. «Sono arrivato poco dopo il tentato golpe ed erano appena entrate in vigore le leggi speciali introdotte da Erdogan. Voli annullati e diffidenza politica facevano da scenario ad un paese fuori controllo». Assieme all’italiano Pietro Pasculli e a un’attivista tedesca, viene arrestato con l’accusa di terrorismo e spionaggio. «Per tre giorni ci hanno tenuto con un faro ed una telecamera puntate addosso». I tre vengono assolti da un giudice nominato da appena quattro giorni, ma poco dopo finiscono in un Cie (centro d’espulsione). «In Turchia la democrazia è realmente sospesa – conclude – la polizia non si distingue dai criminali e quando i curdi provano a ricostruire i loro spazi, riparte la controffensiva di questa guerra al massacro»

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Giappone, padre accoltella a morte il figlio 12enne: “Non studiava abbastanza”

prev
Articolo Successivo

Virginia, 20enne accoltella due persone gridando “Allah akbar”. Fbi indaga su possibile matrice terroristica

next