Sono stati trattenuti nelle carceri turche una settimana “con pesantissime accuse di terrorismo e spionaggio internazionale” e rinchiusi in un centro di detenzione ed espulsione dove si trovavano anche alcuni oppositori del presidente Erdogan. Rifondazione Comunista in una nota parla di quanto accaduto a due cittadini italiani, Pietro Pasculli (nella foto) e Claudio Tamagnini, fermati in Turchia il 29 luglio scorso per avere “visitato le aree curde che il governo di Ankara bombarda quotidianamente con l’obiettivo di impedire alle popolazioni curde di poter continuare a vivere sui propri territori”. I due, sostenitori della causa curda e rientrati in Italia qualche giorno fa, hanno tentato di documentare i bombardamenti ordinati dal governo turco sui villaggi ribelli.

Pasculli, nel corso di una conferenza stampa, ha spiegato che sono stati arrestati dalla polizia e successivamente tenuti “4 giorni in isolamento in celle sotterranee con l’unica colpa di essere stati testimoni dei bombardamenti che l’esercito turco compie quotidianamente sui villaggi curdi del sud della Turchia, incendiando villaggi, boschi e raccolti”. L’ambasciata italiana si è interessata alla vicenda quindi i due sono stati “processati e assolti dall’accusa di terrorismo e spionaggio internazionale“. Tuttavia, prosegue“dopo la nostra messa in libertà da parte della magistratura, la polizia ci ha nuovamente arrestato”. A quel punto i due italiani vengono rinchiusi “in un equivalente dei Cie italiani in cui non erano rispettate le minime condizioni igienico sanitarie – ma su cui capeggiavano le insegne dell’Unione Europea – ci ha espulso in Italia solo dopo il nostro impegno a pagare i costi del viaggio dei nostri carcerieri che dovevano scortarci all’aeroporto di Istanbul“.

Il segretario di Rifondazione comunista, Paolo Ferrero, ha ringraziato il corpo diplomatico italiano che si è impegnato per la scarcerazione dei due italiani e ha definito “assurde” le accuse formulate nei loro confronti: “La Turchia – ha detto Ferrero – non vuole che nessuno sia testimone e possa denunciare e documentare i massacri e le distruzioni di cui si rende quotidianamente responsabile il governo turco nei confronti della popolazione curda”.

La detenzione – I due attivisti erano partiti lo scorso 22 luglio, ad una settimana appena dal fallito golpe militare proprio contro Erdogan. Pur avendo come destinazione Diyarbakir, considerata come la capitale del Kurdistan turco, non vengono fermati immediatamente dalle autorità locali. Iniziano quindi la loro attività di indagine e documentazione nei villaggi della resistenza curda. “Eravamo in un villaggio, abbiamo visto un aereo arrivare, sganciare bombe, e tutta la montagna divampare”, racconta Pietro. I due sono testimoni di una “vera e propria guerra”, con coprifuoco in vigore dalla sera alla mattina. Nei villaggi si raccontano anche diverse atrocità, come quella di una bomba ad orologeria lasciata esplodere nel frigorifero di una donna. Le loro attività suscitano i primi sospetti, vengono fermati ed interrogati.

E chiedono loro: “Cosa pensate di Erdogan? E di Ocalan (storico leader del Pkk turco)? E di Gulen (considerato l’ispiratore del golpe fallito)?”. Quando viene data la risposta su Erdogan i due vengono invitati a “restare la sera, come ospiti”. Pasculli e Tamagnini vengono quindi arrestati da lunedì 25 a domenica 31 luglio, con l’accusa di appoggio al terrorismo curdo e di spionaggio internazionale. Pietro era riuscito a mettersi in contatto con i diplomatici italiani in Turchia, che si sono attivati.

“Il processo era chiaramente farlocco, soltanto in lingua turca – racconta Pasculli – il giorno stesso dell’inizio del procedimento abbiamo conosciuto il nostro avvocato, con cui mai avevamo parlato prima, e abbiamo visto il dossier contro di noi, che contava un centinaio di pagine”. Nonostante le accuse del procuratore, il giudice li libera. I due italiani si preparano a lasciare il Paese l’indomani ma continua Pietro, “i poliziotti si presentano nel nostro albergo, ci prendono tutto, e capiamo che saremo trasferiti ad Adana, in un centro di detenzione ed espulsione“.

Arrivati in questo centro, equivalente del nostro Cie, Pasculli e Tamagnini si ritrovano a vivere con profughi che – come capiscono presto – sono stati bollati come oppositori del regime, il quale usa il pugno di ferro dopo il tentato golpe dello scorso 15 luglio. “C’era un siriano, arrestato: aveva trovato un lavoro come scaricatore di cipolle fino a quando non si è lasciato sfuggire qualche parola contro il presidente – spiega l’attivista italiano -. Invece un altro era un ragazzo del Maghreb, in Turchia per completare gli studi, ma anche lui si è fatto trovare con qualche appunto contrario al regime”.

I due italiani restano nel centro di Adana tre notti, da lunedì 1 a giovedì 4 agosto. Un centro di detenzione dei migranti che, spiega Pasculli, era probabilmente finanziato con fondi europei: “All’uscita c’erano furgoncini con le bandiere incrociate della Turchia e dell’Unione europea, che non venivano usati, ma accesi ogni mattina più per tenerli in attività che per altro”. Ai due italiani viene offerta la libertà in cambio di informazioni: servono i nomi dei curdi che hanno collaborato con loro. Gli attivisti rifiutano. Viene anche chiesto di pagare i costi del viaggio per l’espulsione ai poliziotti che li scorteranno. E ai due non resta che accettare.