Ahmad al-Faqi al-Mahdi, jihadista e uno dei leader del movimento islamista Ansar Dine, è comparso oggi a processo davanti alla Corte penale internazionale (Cpi) dell’Aja accusato di “crimini di guerra” per “la distruzione di monumenti di carattere storico e religioso” nella città di Timbuktu, in Mali, nel 2012. Le ricchezze archeologiche della città africana sono considerate dall’Unesco patrimonio mondiale dell’umanità. E’ la prima volta che un detenuto jihadista finisce alla sbarra davanti alla Cpi per rispondere di “crimini di guerra”. Al-Mahdi ha confessato ai giudici di aver partecipato alla distruzione di nove antichi templi e la moschea di Sidi Yeyia: “Con grande rammarico deve presentare la mia colpevolezza. Tutte le accuse che mi si imputano sono precise e corrette”.

Il militante del gruppo estremista Ansar Dine che voleva imporre in Mali la Sharia ha aggiunto di provare “grande dolore” per i fatti commessi e ha chiesto perdono alla popolazione del Mali e alla comunità internazionale. “Spero che la pena che mi si imputa sia sufficiente per ottenere il perdono di tutti coloro che sono stati danneggiati”, ha spiegato. Mahdi rischia, se condannato, una pena sino a 30 anni di carcere, a cui si potrebbero aggiungere multa e confisca di beni. Lo jihadista è stato consegnato alla Corte penale dal governo del Niger, dopo che contro di lui lo stesso tribunale aveva spiccato un mandato di cattura.

Il processo che si è aperto all’Aja per la distruzione dei monumenti storici a Timbuktu durante l’occupazione jihadista nel nord del Mali nel 2012 è “storico” e “un evento importante” in quanto “favorisce la messa in atto dell’Accordo di pace e di riconciliazione” nel Paese. Queste le parole di un portavoce dell’Alto rappresentante della Politica estera Ue Federica Mogherini, ricordando che per l’Unione europea “la cultura non è solamente la base di ogni società ma anche un fattore importante di sviluppo economico e sociale, di riconciliazione e di pace durevole”. E “la riabilitazione e la salvaguardia del patrimonio culturale di Timbuktu fanno parte degli interventi Ue in Mali”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Siria, tre anni fa l’attacco chimico su Damasco: 1400 morti e nessun colpevole. Le testimonianze dei sopravvissuti

prev
Articolo Successivo

Francia, l’ex presidente Sarkozy vuole tornare all’Eliseo: “Mi ricandido nel 2017”

next