La risposta non poteva essere più gelida. Non è un “no” secco, è vero. Ma un più diplomatico “valuteremo”, anche se l’eventuale partecipazione non sarà “certamente la soluzione al problema” che si è venuto a creare: le modalità di partecipazione dell’Anpi alla Festa dell’Unità e i divieti di fare campagna per il “no” al referendum costituzionale.

Domenica Matteo Renzi ha provato a fare la pace con l’Anpi. Dal palco del Caffè della Versiliana ha lanciato l’invito che è risuonato, però, come una sorta di sfida: “Il presidente dell’Anpi dice tutti i giorni che non vogliamo l’Anpi alla festa dell’Unità. Decida lui come dove e quando: io lo invito, sabato e domenica prossimi, a un confronto pacato sul referendum. Non è possibile che si continui a dire che noi non vogliamo un confronto”. Secca la replica dell’ufficio stampa dell’Associazione partigiani che comunque lascia aperto uno spiraglio: “Il presidente nazionale dell’Anpi, Carlo Smuraglia, rientrerà in Italia nei prossimi giorni ed esaminerà, con la segreteria nazionale, l’intera situazione venutasi a creare recentemente”.

“Va rilevato, peraltro, che il tema della discussione, ossia le modalità della presenza dell’Anpi nei consueti spazi delle Feste dell’Unità, non è stato ancora seriamente affrontato e risolto. L’ipotizzato confronto, a livello nazionale, del tutto anomalo per la sede parziale, per gli interlocutori e per le modalità non definite, – fa notare l’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia – non è certamente la soluzione del problema di fondo e verrà comunque valutato nella sua sostanza”.

“Mi è molto dispiaciuta la polemica per me incomprensibile con l’Anpi rilanciata dai giornali in queste ore. Ho dunque invitato il presidente dell’associazione Smuraglia alla Festa dell’Unità di Bologna o di Reggio Emilia per un confronto pubblico sui contenuti del referendum. Il Pd – e il sottoscritto – non hanno mai paura del confronto” scrive Renzi nella sua e-news settimanale.

Non si è ancora ricucito del tutto, dunque, lo strappo tra Pd e Anpi sul tema del referendum che ha avuto il suo apice alla Festa dell’Unità di Bologna. E’ nella “città rossa”, infatti, che è andata in scena la rottura di una tradizione consolidata: la presenza dei partigiani tra gli stand della festa provinciale. Come ogni anno l’associazione ha ricevuto l’invito a partecipare. Ma quest’anno insieme all’invito è arrivato anche il divieto di allestire banchetti e distribuire volantini per il “no” al referendum sulla riforma costituzionale voluta dal premier. Da qui la decisione di disertare la festa Pd. “Se non possiamo esprimerci, la nostra presenza è inutile, diserteremo l’iniziativa”.

Ma quello di Bologna è solo l’ultimo screzio tra l’associazione e il vertice del partito. Prima ancora c’erano state le parole della ministra Maria Elena Boschi sui “partigiani veri e i paragoni con Casapound e la polemica sull’esclusione dell’Anpi dalle celebrazioni dell’11 agosto, anniversario della liberazione di Firenze dall’occupazione nazifascista.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lo Stato che incentiva i furbetti del fisco e punisce il merito

next
Articolo Successivo

M5S, Costituzione Coast to Coast: una serata con Di Battista

next