Prima i tre Paesi già colpiti: Francia, America, Belgio. Quindi quella che somiglia alla lista dei futuri obiettivi: l’Italia, la Russia, la Spagna, la Danimarca, l’Iran. L’Isis lancia un nuovo appello ai lupi solitari che vivono in Occidente perché entrino in azione e attacchino “i miscredenti”. Lo riferisce il Site, che dà notizia di un video intitolato “Come On Rise” e prodotto da Al Thabaat Media Foundation, casa di produzione vicina alla galassia dello Stato Islamico.

“Rinnoviamo il nostro appello ai fedeli in Europa e nell’Occidente miscredente a prendere di mira i crociati nelle loro stesse terre e dovunque si trovino”, si legge in un testo che appare all’inizio del filmato, della durata di 3,39 minuti. In basso nel frame appare un’immagine dello sceicco Abu Muhammad Al Adnani, considerato portavoce del Califfato e autore dei messaggi in cui quest’ultimo chiama i radicalizzati a compiere attacchi in Occidente. “Condanniamo ogni musulmano che abbia la possibilità di versare una singola goccia di sangue crociato – si legge ancora – e che non lo faccia con un ordigno esplosivo, un proiettile, un coltello, un’auto, una pietra o anche uno stivale o un pugno”.

“La guerra si è intensificata ma noi resistiamo. Voi – è l’appello – fate il vostro dovere e contribuite alla salvezza dello Stato islamico: colpite i miscredenti” in America e in Europa “e fate stragi nei mercati e nelle stazioni ferroviarie”, recita una voce in lingua inglese, mentre tra le immagini di attentatori che scorrono vi sono quelle del killer di Nizza, Mohamed Lahouaiej Bouhlel, e di quello di Orlando, Omar Mateen.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cina, la cisterna si ribalta in strada: a farne le spese una coppia a bordo dell’auto che viene schiacciata

prev
Articolo Successivo

Louisiana, 10 morti e 40mila case inagibili per le alluvioni: “Un disastro enorme”. Obama dichiara lo stato d’emergenza

next