Se una famiglia avesse una Costituzione, dovrebbe riformarla? Un breve, ironico video per spiegare i pericoli presenti nel prossimo referendum costituzionale. Il cortometraggio trasferisce nei risvolti familiari pregi e difetti della riforma su cui esprimersi i cittadini, con argomenti che si aggiungono alle riflessioni di costituzionalisti e avvocati  presenti sul sito www.iovotono.it
Il corto è prodotto da Pietro Adami, uno degli avvocati del Comitato per il No nel referendum costituzionale. Il regista Pietro Reggiani mette in scena il dibattito tra favorevoli e contrari in un ipotetico referendum per modificare la costituzione di un nucleo familiare. Madre, padre e tre figli si confrontano su vantaggi e svantaggi della riforma: alla fine la possibilità che i vantaggi di oggi si trasformino negli svantaggi di domani fanno convergere tutti su una decisione: il No sarà unanime. Gli attori del corto sono Gaia Zoppi (la madre), Gianluca Casale (il padre), Livia De Luca (la figlia maggiore), Giulio Pranno (il figlio di mezzo) e Martina Petrangeli (la figlia più piccola).

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum costituzionale, l’oscuro Sì della Cassazione e il baratto che ci sta dietro

next
Articolo Successivo

Referendum, Boschi: “Il No non rispetta il Parlamento”. Minoranza Pd: “E’ sbagliato demonizzare”. Ed è polemica sulla Festa

next