Se una famiglia avesse una Costituzione, dovrebbe riformarla? Un breve, ironico video per spiegare i pericoli presenti nel prossimo referendum costituzionale. Il cortometraggio trasferisce nei risvolti familiari pregi e difetti della riforma su cui esprimersi i cittadini, con argomenti che si aggiungono alle riflessioni di costituzionalisti e avvocati  presenti sul sito www.iovotono.it
Il corto è prodotto da Pietro Adami, uno degli avvocati del Comitato per il No nel referendum costituzionale. Il regista Pietro Reggiani mette in scena il dibattito tra favorevoli e contrari in un ipotetico referendum per modificare la costituzione di un nucleo familiare. Madre, padre e tre figli si confrontano su vantaggi e svantaggi della riforma: alla fine la possibilità che i vantaggi di oggi si trasformino negli svantaggi di domani fanno convergere tutti su una decisione: il No sarà unanime. Gli attori del corto sono Gaia Zoppi (la madre), Gianluca Casale (il padre), Livia De Luca (la figlia maggiore), Giulio Pranno (il figlio di mezzo) e Martina Petrangeli (la figlia più piccola).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum costituzionale, l’oscuro Sì della Cassazione e il baratto che ci sta dietro

next
Articolo Successivo

Referendum, Boschi: “Il No non rispetta il Parlamento”. Minoranza Pd: “E’ sbagliato demonizzare”. Ed è polemica sulla Festa

next