Prorogare di due mesi la scadenza del bando periferie che permette di presentare dei progetti per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei Comuni capoluogo di provincia. E’ questa la richiesta avanzata al Governo dal Coordinamento delle periferie di Roma e l’Osservatorio Pubblica Amministrazione che si è riunita nella sede dei Centri di Servizio per il Volontariato Cesv-Spes. “Abbiamo chiesto una proroga fino ad ottobre per permettere di presentare dei progetti veri in quelle città andate alle elezioni” spiega Pino Galeota del Coordinamento delle periferie. Infatti il bando scade il 30 agosto e penalizza quella tante città che hanno chiamato i cittadini al voto. Questo perché “le amministrazioni che si sono insediate dopo i ballottaggi – continua Galeota – , a luglio, non hanno avuto il tempo necessario per vagliare i progetti presentati per la riqualificazione e la sicurezza delle periferie”. Cosa che in concreto significa intervenire sulla sicurezza, sullo sviluppo progettando interventi adatti al territorio e l’edilizia. Dal presidente del Consiglio, Matteo Renzi, però, non è arrivata ancora nessuna risposta, “non vogliamo arrivare allo scontro – conclude Galeota -, ma anche l’Anci dovrà pronunciarsi perché ci sono in ballo 7 milioni di cittadini e chiederemo anche una verifica giuridica scrivendo all’Anac per chiedere se questo bando è corretto

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Papa Francesco, Bergoglio da Cracovia: “Dov’è Dio se ci sono fame, terrorismo e profughi?”

prev
Articolo Successivo

“Obesità mostruosa è offensivo”. La rivolta degli extralarge parte dal Salento: “La Lorenzin modifichi la dicitura”

next