La cabriolet? Non è roba per italiani. O almeno per i connazionali che navigano sul web in cerca di veicoli d’occasione da acquistare. Così sostiene un’indagine di Autoscout24, uno dei principali siti europei di compravendita online.

Sembra strano per quello che è considerato il Paese del Sole, eppure in un mese significativo per questo tipo di vetture come quello di giugno gli automobilisti nostrani sono il fanalino d’Europa: solo il 5,77% delle ricerche di auto cabrio. La percentuale più alta l’hanno invece fatta registrare gli spagnoli, con il 7,58% del totale, seguiti da belgi (7,12%), tedeschi (7,06%) e olandesi (7%).

Quando si tratta di numeri di vendita, in realtà, va detto che il principale mercato continentale rimane la Germania. E’ lì che, al minimo accenno di sole pallido, si lanciano subito nella guida en plein air. Come pure sono tedeschi tre dei primi cinque marchi di scoperte più vendute in Europa: Porsche, Bmw, Mercedes.

Non fa eccezione l’Italia, dove le cabrio più ricercate sul web nel trimestre marzo-aprile-maggio 2016 sono la Porsche Boxster e le Z di Bmw, seguite tuttavia da un’icona come l’Alfa Romeo Spider. Seguono Bmw Serie 3, Porsche 911, Audi TT Roadster, Volkswagen Beetle, Bmw Serie 1, Audi A5 e Bmw Serie 4. Per la cronaca, a giugno in Italia sono state immatricolate 1.301 vetture scoperte.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

FCA, un’indagine interna svelò le vendite gonfiate negli Usa già nel 2015

prev
Articolo Successivo

Bambini in auto, ecco i dieci errori da non commettere coi seggiolini

next