L’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea ha destabilizzato i mercati e preoccupato per le conseguenze sull’export dall’Italia verso il Regno Unito. Riguardo all’impatto generale del voto, gli analisti sono concordi: il calo delle esportazioni si farà sentire dal 2017, quando dovrebbero essere chiusi i primi accordi tra Londra e Bruxelles in vista dell’uscita vera e propria. Ma a quanto ammonterà il conto finale per la Penisola? Su questo gli esperti sono tutt’altro che concordi. Le cifre che circolano vanno dai 600 milioni ai 3 miliardi stimati da Intesa Sanpaolo. E le proiezioni sono in contrasto anche nell’individuare i comparti più colpiti. Se per Prometeia a subire maggiormente le conseguenze della Brexit sarà il settore agroalimentare, secondo la Sace a chinare il capo saranno soprattutto meccanica strumentale e mezzi di trasporto, con cali fino al 18% in un anno.

Nel 2017 impatto tra il 3 e il 7% del valore dell’export – L’export italiano verso il Regno Unito aveva chiuso il 2015 con un +7,4% rispetto all’anno precedente e archiviato il primo trimestre 2016 con un +1,8% in termini tendenziali. Un trend che nel triennio 2017-2019 avrebbe portato, secondo le stime del gruppo pubblico di assicurazione del credito Sace, a una crescita media annua del 5,5%. Con la Brexit, però, le stime subiscono uno stravolgimento. Nel 2016 le esportazioni del made in Italy oltremanica continueranno a crescere, visti i tempi di attuazione della procedura di uscita dall’Unione e i dati positivi registrati nei primi sei mesi dell’anno. Secondo Sace, quindi, nel 2016 l’effetto Brexit si limiterà a una crescita più bassa di 1-2 punti percentuali rispetto a quanto previsto. Il dato negativo si registrerà, invece, nel 2017, con un calo dell’export che dovrebbe oscillare, sempre secondo il gruppo assicurativo-finanziario, tra il 3% e il 7%: cioè tra 600 milioni e 1,7 miliardi di euro.

La società di consulenza e ricerca Prometeia, invece, ipotizza che sull’export italiano, dopo la Brexit e in seguito ai negoziati Londra-Bruxelles, possa essere applicato un dazio medio “superiore al 5% del valore esportato“. Se le imprese italiane se ne faranno carico mantenendo invariati i prezzi di vendita, i costi per il mercato nostrano si aggirerebbero, quantifica Prometeia, intorno al miliardo di euro. Ma potrebbero anche decidere di caricare i costi aggiuntivi sui consumatori. E a quel punto bisogna capire se le vendite caleranno.

Sace: “La meccanica strumentale perderà fino al 18%” – Totale disaccordo pure sui settori che subiranno maggiormente le conseguenze del voto britannico del 23 giugno. Secondo Sace, quelli maggiormente colpiti saranno la meccanica strumentale e i mezzi di trasporto, con cali rispettivamente tra il 10-18% e 10-16%. Salvi, invece, tessile e abbigliamento (con un calo previsto tra 1% e 3%) e l’agroalimentare che, addirittura, continuerà a crescere anche del 6%. Una differenza che, secondo gli economisti di Sace, si spiega con il fatto che i primi tagli dovuti alla Brexit riguarderanno gli investimenti e non i consumi. L’incertezza e l’impatto economico scoraggeranno gli imprenditori britannici a investire nelle proprie aziende, quindi anche e soprattutto nei macchinari per la produzione, settore nel quale l’Italia è uno dei leader mondiali, e nei mezzi di trasporto commerciali. Problema che, invece, non riguarderebbe agroalimentare e moda, settori che producono beni di consumo generalmente destinati a un mercato di fascia alta e, quindi, a classi sociali che meno risentiranno degli effetti economici dell’uscita della Gran Bretagna dall’Unione. Le previsioni di Sace, però, non tengono conto della possibile influenza dei dazi doganali.

Prometeia: “A rischio i settori di alimentare e moda” – Aspetto tenuto in considerazione, invece, da Prometeia e che porta a una lettura totalmente opposta rispetto a quella di Sace. Gli analisti dell’azienda di consulenza e ricerca economica prevedono cali ridotti per settori come la meccanica, la farmaceutica e i mezzi di trasporto dovuti “alla forte specializzazione dell’offerta italiana”, come si legge nel loro ultimo comunicato. Penalizzati, invece, i comparti del made in Italy tradizionale: “Applicando le tariffe medie di comparto ai flussi effettivi del 2015 – si legge – le imprese dell’alimentare arriverebbero a perdere 450 milioni di euro (il 14% delle proprie vendite sul mercato), la moda oltre 200 milioni di euro (il 9% di quanto esportato)”.

Twitter: @GianniRosini

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Europa del futuro deve liberarsi della Nato e del neoliberismo

next
Articolo Successivo

Conti pubblici, aperta procedura Ue per deficit di Spagna e Portogallo. Ma sulle sanzioni deciderà l’Ecofin

next