“Ricomincio da consigliere. Mi ha ringraziato? E’ correttezza istituzionale”. Così Piero Fassino (ex sindaco Pd) davanti alla telecamere il giorno della nomina di Chiara Appendino (M5S) a sindaca di Torino. Sarà l’ex primo cittadino a guidare l’opposizione in consiglio comunale. Prima delibera su cui si preparano a scontrarsi il taglio del 30% delle spese per collaboratori e dirigenti comunali. Nei giorni scorsi, Fassino aveva accusato lo staff dell’Appendino di preparare liste di proscrizione dei funzionari comunali nominati da lui. Lunedì prossimo il primo consiglio e dopo cinque anni vedremo sindaca il suo predecessore sui banchi della Sala Rossa a ruoli invertiti

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, Appendino annuncia: “Taglio spese del 30% per staff, giunta e dirigenti fiduciari”

next
Articolo Successivo

Italicum, modifiche in vista. Siamo alle porte di una crisi di governo?

next