Esattamente come avviene a Bruce Banner quando si trasforma nell’incredibile Hulk, anche la nuova Mercedes AMG GT R è verde di rabbia: l’ultima creatura nata dai tecnici di Affalterbach – presentata al Goodwood Festival of Speed – è la Stella stradale più sportiva di sempre ed è stata sviluppata per far divertire la clientela che ama scendere fra i cordoli di una pista. La vettura è stata sviluppata al Nurburgring, noto agli appassionati come l’Inferno Verde: da qui il nome della tinta con cui è verniciata l’auto che vedete in foto, denominata “AMG Green Hell Magno”.

Come recita la nota ufficiale, “Mercedes-AMG non aveva mai messo così tanta tecnologia proveniente dal motorsport come sulla nuova AMG GT R”; non a caso l’auto è ispirata, anche nello stile, alla versione GT3 da competizione. Rispetto al modello di derivazione, la AMG GT S, la “erre” è più leggera di 90 kg (per 1.554 totali) e vanta una carrozzeria modificata per massimizzare le doti aerodinamiche: la cura comprende primizie tecniche come parafanghi in fibra di carbonio, l’ala posteriore fissa – ideata per incrementare il downforce – e l’estrattore posteriore con scarico centrale incorporato.

Sotto al cofanone anteriore c’è un V8 4.0 biturbo da 585 CV di potenza e ben 700 Nm di coppia motrice, collegato ad un cambio a doppia frizione e sette marce, installato al retrotreno per migliorare la distribuzione dei pesi e rivisto nella rapportatura: lo zero-cento è fulminato in 3.6 secondi mentre la velocità massima è fissata a 318 km/h. A tenere al guinzaglio la belva c’è un impianto frenante con dischi carboceramici (offerto in opzione).

La cavalleria è scaricata a terra dalle ruote posteriori mediante un sofisticato differenziale autobloccante a controllo elettronico con ben nove programmi di funzionamento; ma a fare la differenza in termini di guidabilità è l’assetto completamente rivisto ed il nuovo asse posteriore con ruote sterzanti: sotto i 100 all’ora le ruote girano in controfase rispetto a quelle anteriori per aumentare la maneggevolezza, mentre a velocità più alte sterzano tutte nella stessa direzione per aumentare la stabilità. Il contatto a terra lo assicurano gli pneumatici Michelin Sport Cup 2 da 275/35 R19 all’anteriore e 325/30 R20 al posteriore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Honda Civic Type R, un “animale” in pista. Prestazioni da record sui principali circuiti europei – FOTO e VIDEO

next
Articolo Successivo

Maserati Quattroporte, l’ammiraglia si rinnova. Più eleganza e tecnologia – FOTO

next