E’ scomparsa il 5 maggio scorso. Da quel giorno dell’imprenditrice agricola Maria Chindamo non c’è più nessuna traccia. Nonostante che i carabinieri della Compagnia di Tropea stiano setacciando da giorni palmo a palmo il territorio di Nicotera, con perquisizioni in abitazioni e aziende agricole in una vasta area del Vibonese e nella zona di Laureana di Borrello, il centro del reggino in cui la 44enne risiedeva con i tre figli. Il sospetto è che per lei non ci sia più nessuna speranza. Gli inquirenti sono convinti che sia morta. Uccisa. Per questo la procura di Vibo Valentia sta procedendo per sequestro di persona e omicidio volontario.

Chi indaga pensa che la Chindamo sia stata rapita: prelevata mentre era alla guida della sua automobile – sulla quale sono state rilevate tracce di sangue – con il solo scopo di ucciderla. Gli inquirenti avrebbero anche acquisito precisi elementi in merito al movente dell’omicidio dell’imprenditrice, ma sul punto, al momento, mantengono il riserbo. E questo in attesa dell’esito degli accertamenti del Ris e della Questura di Palermo – che hanno a disposizione i cani molecolari – a cui è stato inviato il materiale sequestrato nel corso delle perquisizioni, tra cui dodici autovetture e una serie di mezzi agricoli. La certezza è che comunque “si tratta di una vicenda dai contorni molto brutti”. Negli stessi ambienti della procura di Vibo Valentia si chiede di poter proseguire le indagini “senza assilli o pressioni di sorta”, sottolineando la difficoltà del contesto investigativo in cui si sta operando e aggiungendo che “sarà tutt’altro che agevole venirne a capo”.

Forse, per venirne a capo, bisogna scavare nel passato dell’imprenditrice agricola dal quale emerge una tragedia personale: il suicidio del marito avvenuto lo scorso anno. Da quel momento Maria Chindamo ha preso in mano la gestione dell’azienda agricola di famiglia. E agli investigatori non sfugge la coincidenza temporale tra le due vicende: la scomparsa della Chindamo è avvenuta nel giorno in cui cadeva il primo anniversario del suicidio del marito. Per questo la certezza è che la soluzione dell’enigma sia da cercare in fatti accaduti a Laureana di Borrello e nelle vicende familiari dell’imprenditrice.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fortuna Loffredo, Raimondo Caputo accusa la compagna: “È stata Marianna a ucciderla”. E l’avvocato di entrambi lascia

next
Articolo Successivo

Milano, sesso con 13enne adescata su Second Life: pedofilo arrestato è il pastore di una comunità religiosa

next