“Potrò di nuovo sentire il sole sulla pelle e guardare fuori dalla finestra senza sbarre davanti agli occhi. Trentasei ore, ognuna di esse preziosissime. Ringrazio tutte le persone che mi hanno dato fiducia”. Rudy Hermann Guede, 29enne condannato in via definitiva a 16 anni per l’omicidio di Meredith Kercher, commenta così il permesso premio di 36 ore che gli è stato concesso dal tribunale di sorveglianza di Roma, presso cui aveva fatto ricorso. Detenuto nel carcere Mammagialla di Viterbo, nei giorni di mercoledì e giovedì prossimo è stato autorizzato ad uscire. A confermarlo ad Adnkronos è il team del centro studi criminologici di Viterbo, che sta seguendo e supportando Rudy da qualche mese. Guede uscirà mercoledì mattina alle 9 dal carcere e dovrà farvi ritorno 36 ore dopo.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage di Capaci, 24esimo anniversario della morte di Falcone. Mattarella: “Ha segnato l’avvio di una riscossa morale”

next
Articolo Successivo

Vaticano, il Papa abbraccia l’imam di al-Azhar. “Il nostro incontro è il messaggio”

next