C’è il rapper che ama giocare con le parole e che, dopo la musica, ha imparato a trasformare i suoi versi in endecasillabi sciolti. C’è la ragazza che ha vissuto una vita di violenze e che riesce a parlarne solo nei suoi componimenti. C’è il giovane che si è iscritto perché c’era una coetanea che gli piaceva, poi ha iniziato a leggere Montale e si è innamorato (della poesia). Al carcere di Bollate sono 20 i detenuti che, dallo scorso settembre, hanno seguito il laboratorio di poesia coordinato da Maddalena Capalbi, Paolo Barbieri e Anna Maria Carpi: italiani, sudamericani e nordafricani che come ogni anno hanno dato vita a una raccolta, “Una lastra d’infinito” edita dalla casa Moretti&Vitali, che verrà presentata il prossimo 21 maggio al Cam Garibaldi di Milano.

Circa 50 componimenti che raccontano la vita dei detenuti e che li aiutano a esternare i loro sentimenti attraverso l’unico mezzo di comunicazione consentito in carcere: il foglio di carta. Ad avere fondato il laboratorio alla II casa di reclusione di Bollate è stata, 12 anni fa, la poetessa Maddalena Capalbi, che per questa sua opera di volontariato è stata insignita, lo scorso anno, dell’Ambrogino d’oro, onorificenza conferita dal comune di Milano. Da tre anni a questa parte partecipa al progetto anche il giornalista Paolo Barbieri, che racconta: “Come tutti i mondi chiusi, anche quello del carcere ha un suo linguaggio, un mix di mala e burocrazia: con il nostro laboratorio cerchiamo di restituire la dignità perduta dei reclusi attraverso il gioco della poesia. Abbiamo capito che per i carcerati è molto più facile mettere per iscritto paure, gioie ed emozioni e con il laboratorio li accompagniamo in un percorso di libertà che passa anche attraverso l’uso della lingua italiana”.

Quest’anno l’antologia vedrà la prefazione del senatore Luigi Manconi e di Federica Resta, che annotano: “Scrivere poesie in carcere. Questa frase ha la stessa forza di suggestione e la stessa potenza straniante dei titoli di due libri importanti sia per la loro qualità letteraria che per il successo di pubblico ottenuto. Mi riferisco a ‘Leggere Lolita a Teheran’ di Azar Nafisi, del 2003, e a ‘Leggere Shakespeare a Kabul’ di Omar Qais Akbar e Landrigan Stephen, del 2013”. E prosegue: “E tuttavia, come è stato possibile leggere Lolita a Teheran e Shakespeare a Kabul, questo libro dimostra che è possibile scrivere versi in carcere”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cannabis, a Bologna la Fiera internazionale della canapa: “Ci si può fare di tutto. E 80 aziende lo dimostreranno”

next
Articolo Successivo

Diritti Lgbt, arriva la prima edizione dei Diversity Media Awards. “Premiare l’informazione contro i pregiudizi”

next