Oops, she did it again! Raffaella Carrà è recidiva e, dopo la gaffe sule donne iraniane che non possono nemmeno guidare la macchina, ieri sera ha regalato al pubblico di The Voice un nuovo scivolone. Il giovanissimo Joe Croci (uno dei favoriti per la vittoria finale del talent di RaiDue) si è esibito cantando Like a rolling stone e la Raffa nazionale ha voluto “ricordare” il cantautore americano citando una frase: “La musica è l’unica cosa che quando ti colpisce non ti fa mai male”.

E via con un ricordo di Bob Dylan “morto 35 anni fa”. In realtà, grazie al cielo, il menestrello folk più famoso del mondo è vivo e vegeto. Il Bob morto 35 anni fa e che ha pronunciato quella frase è Bob Marley, ma evidentemente qualche autore distratto ha indotto la Carrà all’errore. Per fortuna il giovanissimo Joe Croci ha trovato il coraggio di smentire Raffa, ricordando timidamente che “Bob Dylan è vivo…”. L’espressione della Carrà quando ha capito di aver sbagliato è stata impagabile: un misto di imbarazzo e rassegnazione, come a dire “Rieccoci, porca miseria!”.

Probabilmente arriverà un nuovo tapiro per il biondo monumento della televisione italiana, ormai abbonata alle gaffe in questa edizione di The Voice of Italy. Ma se la prima gaffe sulle donne iraniane era farina del suo sacco, in questo caso potrebbe essere colpa di qualche autore zelante ma distratto, che ha servito alla Carrà la polpetta avvelenata: un ricordo preparato a tavolino per far partire l’applausone in studio che si è rivelato un boomerang clamoroso. Provaci ancora, Raffa! O forse è meglio di no.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

X Factor 2016, i nuovi giurati non convincono (soprattutto il belloccio Soler): e se Sky fosse in preda ad una schizofrenia contenutistica?

prev
Articolo Successivo

Regina Senatore, morta la grande attrice campana. Era la madre di Guido in “Un posto al sole”

next