Nella Milano ormai città metropolitana c’è un quartiere che gli anziani chiamano ancora “paese”. Niguarda, periferia a nord di Milano, è stata un Comune fino al 1923, fino a quando cioè è stata accorpata al capoluogo meneghino assieme ad altri 10 municipi limitrofi. Da quel momento il quartiere ha mantenuto la sua identità “rossa”: qui sopravvivono le cooperative edificatrici della fine dell’Ottocento, i bambini frequentano la scuola per gli operai della Pirelli e la Liberazione si festeggia il 24 aprile.

Così, con un giorno di anticipo rispetto al resto d’Italia, Niguarda ricorda le due staffette a cui si deve la Liberazione “anticipata”: Gina Galeotti Bianchi, nome di battaglia Lia, e Stellina Vecchio, nome di battaglia Lalla. A loro, il 24 aprile di 71 anni fa, il comando centrale affidò il compito di portare l’ordine di insurrezione ai partigiani della zona, ricoverati sotto falsi nomi all’ospedale di via Graziano Imperatore.

Ma a pochi passi dall’edificio le due si trovarono sotto il fuoco dei nazisti, nascosti su un camion: Lalla si salvò, e portò l’ordine di insurrezione ai partigiani che il 24 sera liberarono il quartiere, mentre Lia fu colpita e morì, incinta del suo primo figlio. A lei, 32enne di origini mantovane, il quartiere dedica ogni anno i festeggiamenti del 24: un corteo per le vie di Niguarda, un concerto con il coro “I suoni e l’Anpi” e uno spettacolo teatrale, “Nome di battaglia Lia”, nella sala del teatro che le è stata intitolata.

“Gina – ricorda il presidente dell’Anpi Niguarda, Angelo Longhi – aveva cominciato giovanissima la sua attività antifascista. Nel 1943 era stata arrestata e deferita al Tribunale Speciale per essere stata tra gli organizzatori a Milano degli scioperi di marzo. Incarcerata per quattro mesi, fu liberata con la caduta del fascismo il 25 luglio e l’8 settembre entrò nelle organizzazioni della Resistenza, in particolare i gruppi di difesa della donna”.

Passeggiando per le vie del quartiere ci si può sedere ai giardinetti Gina Galeotti Bianchi e, a poca distanza, si possono vedere i due murales che alcuni writer le ha dedicato: sulla murata di via Graziano Imperatore i Volks Writerz l’hanno raffigurata, in sella alla bicicletta, mentre si staglia sul rosso della scritta “Niguarda antifascista”, mentre all’ingresso della caserma Mameli di viale Suzzani un writer ha dipinto, seppure illegalmente, il suo ritratto affiancato da una frase di Antonio Gramsci. Qui, il 25 aprile di ogni anno, è ancora possibile ascoltare qualche anziano che dice: “Andemm a Milan a fà festa ancamò”, andiamo a Milano a festeggiare ancora.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Le “Lettere matrimoniali” di Claudio Lolli tornano in libreria: “Essere giovane oggi sarebbe terribile”

next
Articolo Successivo

25 aprile, antipasto in marcia e cappelletti bastonati: la Resistenza a tavola per condividere pane e libertà

next