Schiaffi, scossoni e grida contro bimbi di età compresa tra i 12 e i 24 mesi, che venivano strattonati e obbligati a mangiare. Con questa accusa una educatrice che lavorava presso “Il Nido del Parco”, un asilo nido comunale di Roma, è stata messa agli arresti domiciliari dai carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Roma San Pietro, mentre altre due maestre sono state sospese dall’incarico per maltrattamenti aggravati.

Le indagini, fatte anche mediante intercettazioni ambientali e con telecamere, hanno permesso ai Carabinieri di accertare che nell’asilo i bambini della sezione “Medi” sono stati sottoposti a maltrattamenti fisici e psicologici dalle tre educatrici di ruolo della struttura scolastica: i piccoli venivano trattenuti controvoglia sui passeggini, forzati a mangiare, lasciati in disparte ed esclusi dalle attività in caso di disobbedienza, trascinati con la forza da una parte all’altra della struttura, sgridati con forza e strattonati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sprechi, a Mesagne specchi solari sul Comune L’impianto è da 366mila euro, ma non va

next
Articolo Successivo

Napoli, raffiche di kalashnikov contro la stazione dei Carabinieri di Secondigliano

next