Schiaffi, scossoni e grida contro bimbi di età compresa tra i 12 e i 24 mesi, che venivano strattonati e obbligati a mangiare. Con questa accusa una educatrice che lavorava presso “Il Nido del Parco”, un asilo nido comunale di Roma, è stata messa agli arresti domiciliari dai carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Roma San Pietro, mentre altre due maestre sono state sospese dall’incarico per maltrattamenti aggravati.

Le indagini, fatte anche mediante intercettazioni ambientali e con telecamere, hanno permesso ai Carabinieri di accertare che nell’asilo i bambini della sezione “Medi” sono stati sottoposti a maltrattamenti fisici e psicologici dalle tre educatrici di ruolo della struttura scolastica: i piccoli venivano trattenuti controvoglia sui passeggini, forzati a mangiare, lasciati in disparte ed esclusi dalle attività in caso di disobbedienza, trascinati con la forza da una parte all’altra della struttura, sgridati con forza e strattonati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sprechi, a Mesagne specchi solari sul Comune L’impianto è da 366mila euro, ma non va

next
Articolo Successivo

Napoli, raffiche di kalashnikov contro la stazione dei Carabinieri di Secondigliano

next