All’interno del porto del Pireo, ad Atene, i 3.500 profughi che vivono negli hangar e negli spazi esterni messi a disposizione dall’Autorità portuale, non sanno davvero cosa fare. Ovvero, se accettare di salire sui bus dell’esercito greco – vuoti da giorni – per andare nel nuovo campo di Skaramagas (20 chilometri dalla Capitale), dove li attendono container prefabbricati e alcune organizzazioni umanitarie che, con i soldati, distribuiranno loro cibo e vestiti e li cureranno. Ieri hanno accettato volontariamente di lasciare le proprie tende sull’asfalto incandescente circa 500 profughi di varie nazionalità.

idomeni_675

Il campo di Skaramagas però ha una capienza massima di 2.500 posti. Finora sono state portate 1.570 persone, compresi i cinquecento di ieri. Al Pireo rimangono quindi 2.200 persone. Ma il pressing del governo greco, che non vuole offrire alla vista dei turisti, in arrivo per le vacanze pasquali (la Pasqua ortodossa quest’anno cade il 1° maggio, ndr), questa tendopoli di disperati sta aumentando di giorno in giorno. In tutta la Grecia sono stati allestiti decine e decine di campi visto che nel paese languono 50 mila profughi.

Il caldo è scoppiato improvviso in tutta la Grecia, e il fango di Idomeni (al confine con la Repubblica macedone) si è subito trasformato in polvere negli occhi delle centinaia di piccoli profughi bloccati in questo limbo. Bambini che l’Europa sta provando a nascondere sotto il tappeto dell’indifferenza come si fa con i granelli di terra che li fanno piangere dal bruciore nel cuore della notte. Le madri invece piangono per il timore che accada una nuova rissa nell’ennesima notte di tensione tra profughi siriani e afgani. Ci sono ancora 11 mila persone qui che non sanno cosa fare o dove andare, perchè il filo spinato eretto dalla Macedonia non verrà aperto.

Da il Fatto Quotidiano di martedì 19 aprile 2016

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, Berlino boccia eurobond per gestione rifugiati. Renzi: “Se Merkel ha altre soluzione le dica”

prev
Articolo Successivo

Da Ue 600mila euro a organizzazione di Fiore (Forza Nuova). Pd: “Inaccettabile”

next