A due anni dal suo ritrovamento, un quadro attribuito a Caravaggio è stato presentato al pubblico per la prima volta. Martedì mattina, a Parigi, ha visto la luce una nuova versione (la seconda, dopo quella di Palazzo Barberini a Roma) della tela raffigurante Giuditta e Oloferne e attribuita dal gabinetto d’expertise capitanato da Eric Turquin al pittore di origini lombarde.

L’opera, che come spiegano gli esperti “è in uno stato di conservazione eccezionale”, è stata ritrovata nella soffitta di una casa a Tolosa: i proprietari dell’appartamento sono discendenti di un ufficiale dell’esercito napoleonico ed è forse con lui che il quadro è arrivato tra i beni di famiglia, dove è stato dimenticato per i successivi 150 anni.

La tela, come ricorda Le Figaro, era stata sottoposta a vincolo dal ministero della Cultura in quanto “tesoro nazionale“, con un provvedimento del 25 marzo scorso, su raccomandazione del Louvre: il vincolo impedisce per 30 mesi l’esportazione dell’opera, per la quale è stato ipotizzato il prezzo di 120 milioni di euro in caso di acquisto da parte della Francia.

(Immagine dell’installazione video Caravaggio Experience a Palazzo delle Esposizioni a Roma)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘SangheNapule’, santi e criminali: Saviano racconta la città sconfitta

next
Articolo Successivo

Charlie Hebdo, satira e libertà delle matite: parola a Coco & Marika Bret

next