Torna Harry Potter? Non proprio, ma quasi. JK Rowling, l’aautrice del maghetto più famoso del pianeta aveva firmato la prima sceneggiatura della sua carriera per uno spin-off. Ed ecco che il film Animali fantastici e dove trovarli è quasi pronto per le sale dove è atteso per il mese di novembre. Primo di una trilogia come ormai prassi per le pellicole di genere.

In uscita da noi il 17 novembre di quest’anno il film è diretto dal veterano della serie David Yates, già dietro alla macchina da presa degli ultimi quattro capitoli della saga ammiraglia. Ispirato dall’omonima scherzosaguida del 2001 la storia segue lo sbarco in America nel 1926 di Newt Scamander, futuro autore del libro stesso, interpretato dal premio Oscar Eddie Redmayne. Newt, espulso da Hogwarts per il suo allevamento di pericolose ma sostenuto da Silente, gira il mondo per completare le sue osservazioni finché non approda a New York. Un fatale scambio di valigette e un amico babbano cambieranno il corso della sua vita, mentre si affaccerà all’orizzonte un villain con il volto di Colin Farrell.

Un successo troppo grande quello di Harry Potter da non far prevedere che, in qualche modo, ci sarebbe stato un seguito. Il modoè, aveva raccontato la stessa Rowling, ricreare quelle atmosfere, far rivivere alcuni dei temi e degli incantesimi che hanno rapito la fantasia di grandi e bambini, scegliendo tra nomi e personaggi che hanno popolato la serie di libri e film diventati di culto.

Ritornano maghi, streghe e incantesimi, lo stesso mondo insomma in cui la Rowling ha vissuto per 17 anni. Con la differenza però che il film è ambientato a New York e 70 anni prima dell’inizio della storia di Harry Potter. Rowling ha però precisato che non si tratta né di un prequel né di un sequel della serie, ma ”di un”estensione di quel magico mondo”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Suicide Squad, ad agosto (finalmente) nelle sale. Ecco il terzo trailer. Cast all star: Jared Leto sarà Joker

next
Articolo Successivo

The Idol, The Millionaire rinasce nella Palestina dilaniata per trionfare sul palco di Arab Idol

next