Una signora di settanta anni è stata arrestata dai carabinieri di Seregno, provincia di Milano, assieme al figlio convivente di trentaquattro anni per detenzione illegale di armi da guerra. Entrambi risultano incensurati e nascondevano in casa due fucili a pompa, un kalashnikov, una mitraglietta Skorpion con silenziatore artigianale, una pistola calibro 9, una Beretta 7,65 con matricola abrasa, numerosi caricatori, svariate centinaia di munizioni di vario calibro e un ordigno esplosivo rudimentale.

L’insospettabile pensionata si trova ora ai domiciliari, mentre il figlio è rinchiuso nel carcere di Monza. Interrogati dalle forze dell’ordine nessuno dei due ha voluto chiarire la vicenda. Le armi, tutte funzionanti e dall’elevata capacità offensiva, sono state inviate al Ris di Parma per gli accertamenti tecnici, al fine di chiarire se possano essere state utilizzate per compiere dei delitti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bari, Brindisi e Taranto: la Puglia hub d’ingresso di combattenti. E il Viminale schiera l’antiterrorismo

prev
Articolo Successivo

Pasqua 2016, 250mila italiani in gita con il camper. L’agriturismo star delle vacanze

next