Tra la sera di mercoledì e la mattinata di giovedì, quando l’incredibile manifesto pubblicitario ha fatto la sua comparsa sui social network, l’Eau Di Nolfi, fantomatico profumo firmato D&G, è diventato subito argomento di discussione della giornata. A Torino, infatti, in uno spazio pubblicitario regolare gestito da IGP Decaux, è comparso un manifesto che ritrae le morbide forme di Mario Adinolfi (solo il viso, in realtà, appartiene al direttore de La Croce) a fare da testimonial alla fragranza.

Il giornalista Paolo Armelli, uno dei primi a diffondere la curiosa fotografia scattata da Federico Novaro, si è giustamente appassionato alla vicenda e ha cercato di capirne di più, ricostruendola successivamente sul suo blog personale. Prima ha contattato l’ufficio comunicazione della nota griffe milanese, scoprendo che, come era prevedibile, non ne sapevano assolutamente nulla; poi ha twittato a IGP Decaux, chiedendo lumi sull’affissione. La risposta ha fugato qualche dubbio: “Si tratta di un manifesto affisso abusivamente a seguito della forzatura dell’impianto. Stiamo provvedendo a rimuoverlo”.

Tutto risolto? Nossignore, perché il mistero resta. Chi ha stampato quei manifesti? Perché? Chi ha forzato il pannello di IGP Decaux pur di mettere a segno l’audace colpo comunicativo? Secondo molti, si tratterebbe di una iniziativa contro le ormai note posizioni sui gay del giornalista romano, adesso pronto a candidarsi al Comune di Roma guidando una lista di impronta decisamente cattolica.

E lo stesso Adinolfi, ovviamente, è intervenuto sullo strano caso del manifesto desnudo, con un tweet allarmato: “Mi auguro che Dolce&Gabbana smentiscano rapidamente di avere a che fare con questa ennesima violenza”. Cinguettio pubblicato prima che si sapesse dell’estraneità assoluta del marchio di moda.

Goliardata, provocazione artistica, situazionismo? Chissà. Quello che è certo è che ha colto nel segno, visto che sui social network se ne sta parlando assai. E in fondo anche Adinolfi sarà molto contento. Della serie “Purché se ne parli”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chemsex, sesso sfrenato sotto metanfetamine e alcool: “La miscela di sostanze diverse ha risultati imprevedibili”

next
Articolo Successivo

Francesco Totti – Ilary Blasi: è nata Isabel, terza Royal Baby di Roma e sorellina di Christian e Chanel

next