La ex first lady americana Nancy Reagan, vedova del presidente Ronald Reagan, è morta a 94 anni a causa di un arresto cardiaco. A dare la notizia, confermata dall’ufficio della Reagan, i media americani. L’ex first lady viveva a Bel Air, Los Angeles, e negli ultimi anni la sua salute era in stato precario.

Sposata con Ronald Regan dal 1954, all’inizio non fu molto amata dagli americani, in particolare a causa dei suoi gusti particolari che comprendevano eleganti e costosi servizi di porcellana. Oggetto di critiche fu anche la sua decisione di ripristinare uno stile sfarzoso all’interno della Casa Bianca. Sempre attiva nella ricerca e nel sociale l’ex first lady si occupò della causa per la prevenzione all’abuso di droga fondando la campagna Just Say No. 

Nata a New York nel 1921 Nancy, all’anagrafe Anne Frances Robbins, era figlia di un’attrice e di un venditore di automobili. Prima del matrimonio con Regan, dal quale ebbe due figli, lavorò come attrice: fu proprio grazie ai suoi ruoli in film di serie B che incontrò il giovane attore conservatore che poi sarebbe diventato suo marito e futuro presidente degli Stati Uniti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nikolaus Harnoncourt, morto a 86 anni lo storico direttore d’orchestra austriaco

prev
Articolo Successivo

La prostituta “perfetta” si trova sul web: ecco il motore di ricerca per selezionarle. Ma a Londra monta la protesta

next