Di lei non si avevano notizie da mesi. Il corpo di Rossana Bramante, 75enne invalida civile originaria della provincia romana, è stato ritrovato nella serata di domenica dentro un congelatore nella casa dove da alcuni anni abitava a Ronciglione, in provincia di Viterbo, insieme al fratello. La scoperta è avvenuta in seguito a una segnalazione anonima ricevuta dai carabinieri.

Diversi gli elementi della vicenda ancora non chiari: in primo luogo la provenienza della telefonata che ha segnalato la presenza del cadavere nel congelatore. Oggetto d’indagine anche la reale causa del decesso della donna, che si scoprirà con certezza solo dopo l’autopsia disposta dal pm: gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi, ritenendo che possa trattarsi di omicidio, o di occultamento di cadavere in seguito a decesso per cause naturali. L’abitazione è stata posta sotto sequestro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Agguato a Taranto, fermati due fratelli accusati della morte di un pregiudicato

prev
Articolo Successivo

Tommaso Onofri dieci anni dopo, la mamma: “Il vero ergastolo è il mio. E intanto Alessi potrà uscire dal carcere”

next