Una busta indirizzata al 44enne sindaco di centrosinistra di Trani Amedeo Bottaro, contenente due proiettili, è stata rinvenuta nel centro meccanografico di Poste Italiane a Modugno (Bari). Il gesto intimidatorio arriva in una città che vive un periodo buio dopo l’inchiesta Sistema Trani, che aveva portato nel dicembre 2014 all’arresto di una parte della classe politica della precedente amministrazione di centro destra. Dal presidente della regione Michele Emiliano una reazione secca: “Amedeo è mio fratello – dice al fattoquotidiano.it ed è fratello di tutte le persone perbene di questa regione. Nessuno può permettersi di mettersi contro la catena delle persone brave che sono attorno a lui”. E alle autorità chiamate a indagare sul gesto, il governatore rivolge un appello: “Chiedo che sia fatta chiarezza dalle indagini. Non ci accontenteremo di un’archiviazione perché rimasti ignoti gli autori del reato. Li dobbiamo prendere e dobbiamo neutralizzarli”.

Capire quali fili abbia toccato Bottaro sarà il vasto compito degli investigatori. Bottaro si è impegnato su più fronti: la discarica sequestrata dalla Procura, le vicende dell’edilizia, le gare d’appalto, per assegnazioni di servizi comunali, fitti comunali. Insomma sono tanti i dossier sui quali il sindaco è intervenuto in maniera decisa e che gli investigatori si preparano a setacciare. Lo stesso Bottaro era intervenuto nelle scorse settimane denunciando di essere minacciato da una sorta di “eminenza oscura”. Sulla vicenda indagano i carabinieri. Il sindaco ha in corso la procedura per conferire la cittadinanza onoraria al giudice Di Matteo.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Papa Francesco agli imprenditori di Confindustria: “No a sete di guadagno, favoritismi e disonestà”

prev
Articolo Successivo

Maltempo al centro nord per il ciclone Golia, marea eccezionale a Venezia. Allerta neve

next