Tutti e due giovani, meno di trent’anni di età.
Tutti e due curiosi di conoscere il mondo.
Tutti e due ricchi di passioni civili, rispettosi di ogni differenza e diversità.
Tutti e due attratti dai ponti della conoscenza e distanti dai muri dall’indifferenza e del razzismo.
Tutti e due con il desiderio di conoscere ed “illuminare” le periferie del mondo, di strapparle all’oscurità e all’oscurantismo.
Tutti e due colpiti a morte dalla furia di un boia che, nel mutare dei regimi e nelle forme dell’assassinio, affonda il suo delirio nella negazione dei diritti e delle libertà.

Uniamo le nostre voci a quelle di chi, in Italia, in Egitto, ovunque, continua a chiedere verità e giustizia per Valeria Solesin e Giulio Regeni, e per quanti, ogni giorno, vengono stroncati dai “signori della guerra, del terrore, della tortura.”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Iraq, la lotta per il possesso delle dighe e la siccità

next
Articolo Successivo

Regeni, dal 2013 pugno di ferro di al-Sisi Delitti e torture, Egitto in balia del terrore

next