Ricevere multe che arrivano fino a 60 mila euro di sanzione per una mancanza del Comune di Roma. Succede nel quartiere Tor Pignattara, zona villini di Santa Maria. Duecento famiglie che vivono senza rete fognaria e nessuno di loro in immobili abusivi, ma tutti con regolare concessione edilizia. “Vorremmo che la città portasse i servizi primari nella zona – afferma Alessandro Bracchini, vicepresidente del Comitato costituito dai cittadini della zona – per poi poter fare l’allaccio ed essere in regola. I cittadini che vivono qui sono ormai 60 anni che si stanno impegnando per avere la realizzazione delle fogne”. E non solo l’opera non è mai stata realizzata, ma da qualche tempo arrivano sanzioni per il mancato allaccio alla rete. Che però non esiste. “Il ragionamento è semplice: mancando il sistema fognario non è possibile allacciarsi”, spiega Carmine Laurenzano, il legale designato dal Comitato. Un vero paradosso al quale si aggiunge un’ulteriore beffa: i cittadini devono pagare in bolletta anche la quota per le acque nere, come se il servizio esistesse davvero. “Ci multano per un servizio che ci spetta di diritto, ma vi rendete conto?”, dichiarano i residenti esasperati ai microfoni de ilfattoquotidiano.it. “Non abbiamo quei soldi e – proseguono – abbiamo sollecitato da decenni il Comune a costruire il sistema di fognature. Ma i fondi non si trovano”. Intanto dal Municipio V arrivan solo promesse: “Cercheremo di non far pagare le sanzioni”  di Raffaele Pugliese, montaggio Paolo Dimalio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caporalato, a Rosarno la filiera del ricatto: agrumeti abbandonati e braccianti immigrati sfruttati: “Se alzi la testa non mangi”

prev
Articolo Successivo

Smog, blocco del traffico a Roma. Controlli e posti di blocco in città

next