Pippo Civati propone una legge pensata apposta per le donne in età fertile. Il deputato di Possibile, fuoriuscito dal Pd, ha infatti depositato una proposta di legge denominata Tampon Tax: l’obiettivo è ridurre l’Iva, dal 22% al 4%, per gli assorbenti igienici, i tamponi, le coppe e le spugne mestruali.

L’iniziativa è stata presentata da Civati insieme ai compagni di partito, Beatrice Brignone, Luca Pastorini e Andrea Maestri. “Chiediamo che questo tipo di prodotti igienico-sanitari femminili – spiegano – siano considerati per ciò che sono, e cioè beni essenziali e che conseguentemente anche la tassazione sia ridotta al 4%»

Beatrice Brignone, l’unica donna tra i promotori, ha poi aggiunto: “L’igiene femminile è anche una questione politica, sociale e sanitaria di cui ogni Governo deve riconoscerne l’importanza. Questo è un primo passo verso nuove e avanzate politiche sociali”. Da alcuni mesi su Change.org è stata attivata una petizione con lo stesso obiettivo del Partito di Civati. Mentre in altri paesi l’aliquota minima sugli assorbenti è stata applicata già da tempo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Oscar del fumetto, in Francia niente donne nella lista dei candidati. I colleghi maschi si ritirano per solidarietà

prev
Articolo Successivo

Parto orgasmico, la tecnica che cancella il dolore: “Ecco perché durante il travaglio mi sono masturbata”

next