Pippo Civati propone una legge pensata apposta per le donne in età fertile. Il deputato di Possibile, fuoriuscito dal Pd, ha infatti depositato una proposta di legge denominata Tampon Tax: l’obiettivo è ridurre l’Iva, dal 22% al 4%, per gli assorbenti igienici, i tamponi, le coppe e le spugne mestruali.

L’iniziativa è stata presentata da Civati insieme ai compagni di partito, Beatrice Brignone, Luca Pastorini e Andrea Maestri. “Chiediamo che questo tipo di prodotti igienico-sanitari femminili – spiegano – siano considerati per ciò che sono, e cioè beni essenziali e che conseguentemente anche la tassazione sia ridotta al 4%»

Beatrice Brignone, l’unica donna tra i promotori, ha poi aggiunto: “L’igiene femminile è anche una questione politica, sociale e sanitaria di cui ogni Governo deve riconoscerne l’importanza. Questo è un primo passo verso nuove e avanzate politiche sociali”. Da alcuni mesi su Change.org è stata attivata una petizione con lo stesso obiettivo del Partito di Civati. Mentre in altri paesi l’aliquota minima sugli assorbenti è stata applicata già da tempo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Oscar del fumetto, in Francia niente donne nella lista dei candidati. I colleghi maschi si ritirano per solidarietà

next
Articolo Successivo

Parto orgasmico, la tecnica che cancella il dolore: “Ecco perché durante il travaglio mi sono masturbata”

next