Come ogni anno, gli alberi di Natale sono nelle case. Alcuni hanno scelto quello vero, altri l’albero sintetico. Poi ci sono le luminarie, le candele e decine di prodotti sintetici e facilmente infiammabili. Tanto che la U.S. Consumer Product Safety Commission ha fatto un esperimento, dimostrando che bastano 40 secondi per distruggere gran parte di un appartamento. I più pericolosi in assoluto sono gli alberi secchi che si incendiano più facilmente di una risma di fogli di carta. Solo negli Stati Uniti, tra il 2010 e il 2012, si sono verificati circa 200 incendi causati da alberi di Natale. E ogni anno si registrano 10 morti, 20 feriti e 17 milioni di dollari di danni
(video tratto da U.S. Consumer Product Safety Commission)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Natale, nuova parodia del nonno che si finge morto nello spot: questa volta i figli non la prendono bene

next
Articolo Successivo

Volo cancellato, ballerini improvvisano show all’aeroporto di Denver: esibizione sui tapis roulant

next