“A che servono 4 miliardi di esseri umani oltre a Woody?” Se lo chiedeva con una certa “serietà” Richard Bucky Fuller nella sua introduzione del celebrato Inside Woody Allen, il “fumettone” con protagonista l’artista nato il 1° dicembre di 80 anni fa nel Bronx. Il più grande umorista del XX secolo, il regista imprescindibile per chi dice di amare il cinema – perché amare il cinema significa amare Woody Allen e viceversa – è arrivato alla soglia degli 80 anni. Cosa poter regalare a un uomo che ha donato all’umanità 45 opere (tra cui alcuni capolavori) in mezzo secolo di carriera che – peraltro – non ha nessuna intenzione di chiudere? Non c’è proporzione di do ut des che tenga.

Il suo 45° film, Irrational Man, uscirà tra due settimane dopo la presentazione lo scorso maggio al Festival di Cannes e la Warner Bros, che lo distribuirà come già fa da tempo immemore, ha deciso di re-distribuire in home video 23 dei suoi film in formato DVD e Blu-Ray. Iniziativa doverosa e ghiotta con il Natale alle porte. Woody ci avrà scherzato su, lui ebreo idiosincratico con gli ebrei e prima fra tutti con se stesso che ricordiamo aver dichiarato “il mio unico rimpianto nella vita è di non essere stato un altro”.

Una tra le tante per arguzia, ironia, sarcasmo e acume, scegliere nell’oceano sterminato delle citazioni di Woody Allen è un’impresa da archivista esperto, perché ogni suo film, piéce teatrale, sketch tv, libri o comic strip ne contiene una flora di inesauribile vitalità. Se è vero che un grande regista fa sempre lo stesso film, Allen è un gigante per le sconfinate variazioni sui medesimi temi (leggi: ossessioni) che ripropone a se stesso e al suo pubblico senza mai apparire desueto, nonostante qualche personalissimo scivolone. L’inadeguatezza, il narcisismo, la depressione, la psicanalisi e la psichiatria (e relative terapie), il senso di colpa, il jazz, il sesso e naturalmente il rapporto con le donne e per estensione con il genere umano, il tutto mescolato negli incroci della sua Manhattan sempre uguale a se stessa anche quando si chiama Venezia, Roma, Parigi o Londra.

La grande commedia/tragedia della vita e del suo non-senso accompagnata al dolce suono del suo clarinetto è “il” genere cinematografico di Woody. Da Che fai, rubi? del 1966 all’imminente Irrational Man sono passati 50 anni, 25 nomination agli Oscar di cui 4 trasformate in statuette (regia e sceneggiatura per Io e Annie nel 1978, sceneggiatura per Hannah e le sue sorelle nel 1986 e Midnight in Paris nel 2011), diverse relazioni burrascose con “muse” tanto diverse tra loro, da Diane Keaton a Mia Farrow fino alla di lei figlia Soon-Yi Farrow Previn.

Minuscolo di statura e corporatura, il volto triangolare con gli immancabili occhiali a montatura nera, la voce inconfondibile, Woody Allen ha siglato da sceneggiatore, regista e spesso attore pietre miliari del cinema americano e mondiale che sembrano appartenere a ciascuno come un piccolo grande patrimonio (famigliare) di cui andare fieri: Il dormiglione (1973), Io e Annie (1978), Manhattan (1979), Zelig (1983), La rosa purpurea del Cairo (1985), Hannah e le sue sorelle (1986), Crimini e misfatti (1989), Mariti e mogli (1992), Misterioso omicidio a Manhattan (1993), Pallottole su Broadway (1994), Harry a pezzi (1997), Match Point (2005), Vicky Cristina Barcelona (2008), Midnight in Paris (2011), Blue Jasmine (2013) e ora Irrational Man con un Joaquim Phoenix alla sua prima volta con Woody. Titoli scelti in ordine cronologico a costituire una costellazione vibrante e unica. “Non è che io abbia paura di morire, è solo che non voglio esserci quando succederà”: l’importante è che avvenga il più tardi possibile. Per ora, Woody, buon compleanno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Torino Film Lab, l’incubatore di talenti che racconta il cinema del futuro: “Valorizziamo i talenti”

prev
Articolo Successivo

Ouzeri Tsitsanis, al cinema il cantore del rebetiko

next