Prendete una coppia di belli, ricchi e famosi. Immaginate un video hard che li vede protagonisti e aggiungete un torbido ricatto. Il risultato è un caso mediatico di sicuro impatto, soprattutto se i due belli, ricchi e famosi si chiamano Shakira e Gerard Piquè. La popstar colombiana e il difensore del Barcellona sarebbero al centro, infatti, di un ricatto da parte di alcuni ex dipendenti della coppia, licenziati ingiustamente (ovviamente secondo loro) e che quindi avrebbero provato a vendicarsi attraverso uno scottante filmato che ritrarrebbe Shakira e Piquè in situazioni molto piccanti.

A darne conto, per il momento, è il giornale spagnolo Diario Vasco, secondo cui il video sarebbe stato girato proprio dalla coppia, mentre gli ex dipendenti avrebbero chiesto una cospicua somma di denaro per non diffonderlo online. Sembra la copia del ricatto al calciatore francese Valbuena che ha coinvolto anche Karim Benzema, suo compagno in Nazionale e attaccante del Real Madrid, ma in questo caso si tratta di due personaggi notissimi in tutto il mondo, glamour e già seguitissimi dalla stampa “de corazon”, come viene efficacemente chiamata in Spagna la stampa rosa.

In realtà non è la prima volta che si parla di un fantomatico video hard di Shakira e Piquè, visto che nel 2013 la notizia era già rimbalzata sui social network, assieme a un link video che ritraeva in due in barca. Pare si trattasse proprio di una prima minaccia degli ex dipendenti, impegnati a ricattare la coppia, sperando di intascare un bel po’ di denaro. Intanto, la coppia tace: non conferma e non smentisce. E questo può voler dire solo una cosa: forse qualcosa di vero c’è.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Hazanavicius, regista premio Oscar per The Artist, scrive all’Isis: “Non vincerete. Noi francesi continueremo a scopare e a cenare insieme”

next
Articolo Successivo

Medjugorje, pellegrinaggio per soli single a 240 euro: così l’Esercito di Maria “forma la famiglia santa”

next