Saranno 63.700 i posti del prossimo Concorsone della scuola, ormai imminente. La Legge 107 (la cosiddetta “Buona scuola”) fissa al primo dicembre il termine ultimo della pubblicazione del bando. Manca poco e le cifre sono già ufficiali, anticipate parzialmente dai media e confermate dal sottosegretario Davide Faraone su Facebook. Così, in attesa di conoscere ulteriori dettagli (come punteggi dei titoli e contenuto delle prove), è possibile tirare le prime somme sul totale delle assunzioni nel mondo della scuola: circa 180mila nei prossimi tre anni, tra il piano straordinario della riforma (80-90 mila) arrivato ora alla fase C, il concorso (63mila) e le immissioni in ruolo residuali dalle Graduatorie ad esaurimento (30mila circa).

Fatta eccezione per i docenti che ancora sono rimasti nelle Gae (come quelli dell’infanzia, “congelati” per la riforma del ciclo 0-6) e che verranno assorbiti con il turnover, dopo lo svuotamento il concorso diventerà effettivamente l’unico canale di accesso alla professione. C’è già anche la suddivisione dei posti che verranno messi a bando: 6.800 per la scuola dell’infanzia, 15.900 per la primaria (le elementari), 13.800 per la secondaria di primo grado (le medie) e 16.300 per la secondaria di secondo grado (le superiori). Questo dal punto di vista quantitativo. Ora i prof di tutta Italia sono in fibrillazione per conoscere la ripartizione in base alle classi di concorso. A riguardo il ministro Stefania Giannini ha fornito alcune indicazioni: “Il concorso sarà in particolare un’occasione per recuperare insegnanti nelle discipline in cui storicamente mancano, come matematica e le materie scientifiche”. Nulla di nuovo sotto il sole. Ma, ha aggiunto, “tra le materie più gettonate ci saranno anche lingue e italiano”.

Resta da capire contenuto e modalità delle prove di concorso. Sicuramente riservato ai soli abilitati, ma questo non è una sorpresa. La grande novità (che ilfattoquotidiano.it aveva anticipato già a luglio) è che potrebbe non esserci più la prova preselettiva (se per tutti i gradi o solo alcuni non si sa): via i quiz nozionistici, sia lo scritto che l’orale dovrebbero essere più improntati sulla simulazione di una lezione. E – pur all’interno dello stesso concorso – ci sarà una prova e una graduatoria separata per gli insegnanti di sostegno. Questioni che dovranno essere risolte con i prossimi atti formali del ministero: ordinanza sulle commissioni, decreti ministeriali su prove, titoli e comitati scientifici, infine il bando vero e proprio. Meno di un mese e tutto sarà chiarito: la prima prova dovrebbe essere già in primavera (forse prima) visto che l’obiettivo è portare in cattedra la prima tornata di assunti il prossimo settembre. Per i docenti esclusi dal piano straordinario è una grande occasione, l’unica fino al 2019 per abbandonare la precarietà. Soltanto uno su quattro, però, ce la farà: i candidati dovrebbero essere oltre 200mila.

Twitter: @lVendemiale 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sciopero scuola, non tutto è perduto

next
Articolo Successivo

Università: tutti d’accordo a premiare il merito. Meglio di no, grazie  

next