Fa discutere la decisione del governo di alzare a 3mila euro il limite ai pagamenti in contante. La norma è prevista nella legge di stabilità e il presidente del consiglio Matteo Renzi ha annunciato il possibile ricorso al voto di fiducia pur di farla approvare. Siamo andati in strada a parlarne con i cittadini. Tra gli interpellati prevalgono i favorevoli. “Così siamo più liberi di usare i nostri soldi”, è l’argomento di alcuni. “Ci sarà un rilancio dei consumi“, prevedono altri. Ma non mancano i critici: “E’ una decisione sbagliata: meno tracciabilità del denaro significa più evasione fiscale e più riciclaggio“. E gli scettici: “E’ una norma ininfluente, l’effetto sui consumi è minimo come quello sull’evasione fiscale”.  E voi come la pensate? Elevare il limite al contante rilancia i consumi o rappresenta una battuta d’arresto nella lotta all’evasione fiscale e al riciclaggio? Dite la vostra nei commenti e votando la risposta che vi convince di più  di Piero Ricca, riprese Ricky Farina

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Berlusconi torna a congresso Ppe: “Qui contenti di vedermi. Con Merkel? Ho chiarito”

next
Articolo Successivo

Legge di stabilità e non solo: perché non è possibile essere renziani

next