Sono stati puniti dall’Aeronautica i sottufficiali che lo scorso 2 marzo si trovavano nella sala operativa da cui è uscito il video dell’atterraggio di emergenza dell’elicottero del premier Matteo Renzi ad Arezzo. A rivelarlo è stato il ministero della Difesa guidato da Roberta Pinotti, rispondendo a un’interrogazione scritta a risposta immediata indirizzata dei deputati M5S della Commissione Difesa. Due dei militari sono stati sanzionati con cinque e due giorni di consegna di rigore, mentre per il terzo il provvedimento è stato sospeso in attesa di un’integrazione della difesa. Le accuse nei loro confronti sono di “negligenza“, “allontanamento senza autorizzazione durante il servizio” e “inosservanza delle norme in tema di sicurezza e di prevenzione”.

I provvedimenti disciplinari, si legge ancora, “risultano ancorati a legittimi presupposti di fatto e di diritto, risultando una diffusione di materiale video che – in presenza di una adeguata azione di vigilanza incombente sugli interessati – non si sarebbe diversamente verificata”.

I 5 Stelle chiedono ora di sapere “da dove è giunto l’ordine di eseguire i procedimenti”, se “dalla Difesa o direttamente da Chigi”. E come possa “un semplice video di pochi minuti, o un’immagine di un elicottero, ledere la sicurezza nazionale. Quando si tratta di diffondere le foto del nuovo aereo giocattolo del premier da 170 milioni di euro non viene violato alcun protocollo, invece?”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Senato, il renziano Tonini nuovo presidente in commissione Bilancio dopo Azzollini

next
Articolo Successivo

Berlusconi torna a congresso Ppe: “Qui contenti di vedermi. Con Merkel? Ho chiarito”

next