Una Fiat coupè parcheggiata in divieto di sosta da mesi davanti al tribunale di Roma. Succede anche questo nella Capitale. E l’automobile posizionata subito dopo un semaforo in prossimità di uno svincolo non è passata inosservata a commercianti, avvocati e residenti. “Io lavoro qui – spiega un dipendente della Procura di Roma – è perlomeno due tre mesi che è parcheggiata qui. I vigili fanno le multe per altre cose ma questa macchina non l’hanno mai guardata”.  Ed oltre alle multe mancate, vista la vicinanza dell’automobile al tribunale, bisogna considerare anche l’aspetto sicurezza. “Ci sono molte forze dell’ordine – sottolinea un avvocato – che vigilano all’interno del tribunale per garantirne la sicurezza, in questo caso la competenza sarebbe dei vigili. Certo se fosse un’autobomba potrebbe fare dei danni anche in Procura”. Sicuramente, almeno per il titolare del bar di fronte all’automobile incriminata, i vigili qui non sono molto ‘attivi’: “Per un anno e mezzo qui davanti – rimarca – c’era uno con una roulotte che dormiva, mangiava e beveva. Perché mai i vigili si dovrebbero preoccupare per una macchina in divieto di sosta?”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, idranti e cariche sugli studenti: cinque fermati. Feriti all’Università La Sapienza

prev
Articolo Successivo

Droga, a Cagliari sequestrata nave con 20 tonnellate di hashish. “Ipotesi finanziamenti per terrorismo”

next