Un ragazzo  di 17 anni è morto dopo essere precipitato dal sesto piano dell’hotel Camplus Living Turro, in zona Lambrate a Milano. Il giovane era uno studente in gita scolastica e l’ipotesi della Procura di Milano è che il ragazzo sia caduto accidentalmente dalla finestra a causa di un malore dopo aver fumato della marijuana. Sta indagando la polizia di Stato e sul posto il pm di turno, Piero Basilone, ha effettuato un sopralluogo

Si tratta di Elia Barbetti, uno studente del Liceo Statale Enrico Fermi di Cecina, in provincia di Livorno: i ragazzi, circa 50 accompagnati da 4 docenti, sono arrivati a Milano mercoledì mattina e hanno visitato Expo. La sera sono tornati in albergo e oggi sarebbero dovuti andare a visitare la città. La polizia ha trovato della marijuana nella stanza dove il ragazzo dormiva con altri tre suoi compagni che, interrogati, hanno confessato di aver bevuto e fumato insieme prima di andare a dormire. Gli studenti hanno detto di non essersi accorti di nulla e di aver ricevuto la notizia solo dopo l’arrivo della polizia. Dalle prime indagini si apprende che la finestra della stanza era aperta, con l’avvolgibile non del tutto alzato e un ballatoio di circa un metro, ma i giovani dicono di averla lasciata chiusa.

Dai primi accertamenti è emerso che Barbetti è morto intorno alle 3 di questa notte. Circa due ore dopo un vigilante dell’Ivri ha chiamato il 112 segnalando la presenza del corpo senza vita di un ragazzo precipitato da una finestra dell’hotel di via Stamira D’Ancona 25. Dal 118 fanno sapere di aver ricevuto la chiamata dalla polizia alle 5:39, ma di aver solo potuto constatare il decesso del giovane: la caduta è stata fatale ed è stato inutile anche il trasporto in ospedale.

Il corpo del 17enne è stato trovato fuori dalla proprietà dell’albergo, nel cortile di un complesso industriale in corso di ristrutturazione, separato dall’hotel da un muretto alto circa 3 metri. A destare qualche perplessità sarebbe la distanza tra la verticale della finestra e il punto dove il cadavere si trova, dietro il muro, a una distanza di 7 o 8 metri in linea d’aria. Gli investigatori al momento non hanno fornito ipotesi sulla traiettoria della caduta. La magistratura ha disposto il sequestro della stanza dell’hotel in cui il ragazzo alloggiava e dove per tutta la mattina sono stati effettuati rilievi della polizia scientifica.

Nella notte tra il 9 e il 10 maggio, sempre a Milano, lo studente padovano Domenico Maurantonio è morto dopo essere precipitato dalla finestra di un albergo: anche la classe del ragazzo veneto, allievo del liceo scientifico Ippolito Nievo, si trovava a Milano per visitare Expo. Sull’esatta dinamica gli inquirenti stanno ancora indagando.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Metro Roma, linea A ferma per incidente. Esposito: “Mi viene da piangere. Bisogna decapitare i vertici di Atac”

next
Articolo Successivo

Starbucks in Italia, probabile arrivo a Milano. “Accordo entro Natale con Antonio Percassi”

next