Si chiama Commenti Memorabili e ha raggiunto il milione di like su Facebook: la pagina raccoglie, manco a dirlo, i commenti più esilaranti, caustici e originali postati sul popolare social network. “In tantissimi ci avete chiesto cosa avremmo potuto fare per festeggiare questo traguardo, se un video, un’immagine commemorativa, un arresto per mancanza di sobrietà in luogo pubblico. E invece no, semplicemente ci teniamo a ringraziarvi di cuore per quello che insieme siamo stati in grado di creare, questa comunità bellissima che in meno di un anno è cresciuta come mai avremmo potuto immaginare e grazie alla quale ogni giorno cerchiamo di portare la giusta dose di risate e memorabilità, il tutto grazie alla vostra partecipazione sempre più presente e fondamentale – questo il post con il quale i creatori della pagina hanno ‘festeggiato’ il traguardo del milione”. “Vi annunciamo – si legge ancora nel post – che sono in arrivo tantissime novità che sveleremo poco alla volta, a partire dal libro di CM che raccoglierà il meglio delle immagini prodotte nei primi otto mesi, e che verrà presentato al Lucca Comix e dove finalmente potremo soprattutto incontrarci dal vivo e spaccarci una Fink inneggiando a Lucia Mozzarellona e all’importanza dello schiaffo sulla carotide come forma d’affetto”.

Siamo 1 MILIONE. In tantissimi ci avete chiesto cosa avremmo potuto fare per festeggiare questo traguardo, se un video,…

Posted by Commenti Memorabili on Mercoledì 14 ottobre 2015

Il meglio e il peggio, dunque, dei commenti postati su Facebook trova spazio nella pagina Commenti Memorabili, tra l’hashtag #escile con gli esilaranti interventi dedicati alla modella Emily Ratajkowski prima, e alla slovacca Lucia Javorcekova poi (che, effettivamente, “le ha uscite” – ovvero si è mostrata a seno nudo – per poi vedersi censurare la pagina Facebook), fino alle prese in giro di personaggio del mondo della politica, dello spettacolo e dello sport.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mia Matsumiya, la violinista pubblica su Instagram tutti i messaggi ricevuti dai “pervertiti” online (FOTO)

prev
Articolo Successivo

Eric Cantona nudo su Elle, l’ultimo colpo a sorpresa di un’icona del calcio moderno

next