Dimissioni dei vertici dell’Atac, l’azienda per la mobilità della Capitale, ed ennesimo sciopero dei trasporti previsto per domani. L’ormai ex Dg Atac Francesco Micheli si è dimesso per le “troppe ingerenze della politica” ha affermato ieri. Una dichiarazione che sembra coinvolgere lo stesso assessore Stefano Esposito (Pd) che la pensa proprio come Micheli: “L’ex Dg ha scoperto l’acqua calda. Il sistema che per anni ha governato Atac è stato un apparato di consociazione e clientela. Micheli non crede sia possibile che si possa smantellare il sistema? Io sì, andiamo avanti”. Tra i punti dirimenti la discussione sulla gara di appalto per i nuovi bus. Il piano industriale Atac non prevede l’affidamento della manutenzione dei mezzi a ditte esterne, ma l’assessore sembra orientato, per una parte dei bus (250 sui 400 complessivi) al leasing full, ovvero ad affidare alla ditta che fornisce i mezzi anche la manutenzione e i servizi. “Atac ha 353 milioni di euro di debito quindi ho optato per questa scelta, il piano industriale è fuffa, non è stato mai realizzato”. E con il Giubileo alle porte, per il momento, oltre a mancare i vertici dell’azienda ed i nuovi bus, non c’è nessuna certezza sulla possibilità di fare la manutenzione straordinaria della metro che ciclicamente si blocca. “Ci servono 30 milioni – conclude –, ma i soldi da soli non bastano, devono essere subito spendibili con affidamenti diretti. Se non si fa questo la manutenzione non si potrà fare e ognuno si assumerà le proprie responsabilità”. Ed in vista dell’ennesimo sciopero dei trasporti previsto per domani l’assessore minimizza “è stato promosso dall’Usb che sciopera ogni 15 giorni”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gino Strada vince il “Nobel alternativo”: “La terza guerra mondiale è cominciata”

prev
Articolo Successivo

Sindaco Roma, sfottò social da #MarinoImbucato a “Sei riuscito a fà inca**à pure il Papa”

next