Il popolo lo voleva come Presidente della Repubblica, eppure Gianni Morandi non ha voluto fare un selfie con lui. Giancarlo Magalli, a gennaio vincitore morale delle Quirinarie del Fatto Quotidiano, non ha gradito il comportamento del cantante, e l’ha fatto sapere a tutti su Facebook.

“Stasera ho incontrato Gianni Morandi in un ristorante – ha scritto Magalli in un post, senza comunque taggare il cantante – Io tornavo da uno spettacolo teatrale a cui avevo assistito, lui dal concerto con Baglioni. L’ho salutato, ci conosciamo da anni, e poi gli ho detto: ‘Visto che tutti e due abbiamo tanti amici su Facebook, facciamoci un selfie insieme e pubblichiamolo, sarebbe divertente!”‘. Mi ha risposto: ‘Ci devo pensare’. Me ne sono andato ed ho capito che i like non danno la felicità”.

Stasera ho incontrato Gianni Morandi in un ristorante. Io tornavo da uno spettacolo teatrale a cui avevo assistito, lui…

Posted by Giancarlo Magalli on Martedì 29 settembre 2015

Gianni Morandi non ha replicato al messaggio se non rispondendo brevemente al commento di un utente (“Non ho mai rifiutato autoscatti, a nessuno!”, ha scritto Gianni). Su Facebook, lo scorso aprile, Magalli era intervenuto nella polemica che ha travolto il cantante per le sue idee sull’immigrazione: “Sono mesi che Gianni Morandi pubblica quasi quotidianamente foto della sua colazione e ci racconta che è andato a vedere le mucche al pascolo, raccogliendo migliaia di like e qualche critica per la leggerezza dei temi. Oggi parla di qualcosa di attuale e di serio: il dramma del l’immigrazione (anche se paragonare i nostri nonni che emigravano in America per lavorare ai migranti che si riversano sulle nostre coste è un po’ ardito) e gli arrivano migliaia di insulti. Mi dispiace. A volte la foto di un uovo strapazzato dà più gioie che dire ciò che si pensa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Jim Carrey parla della ex fidanzata Cathriona White, morta suicida: “Era un delicato fiore irlandese”

next
Articolo Successivo

Porno dipendenza, quando i video hard diventano ‘una droga’: gli effetti sulla mente di adolescenti e adulti

next