Il governo, a caccia di risorse per evitare l’aumento delle accise su benzina e gasolio, concede più tempo a chi vuol aderire alla procedura per il rientro dei capitali dall’estero. Il consiglio dei ministri ha infatti prorogato dal 30 settembre al 30 novembre i termini per aderire alla cosiddetta voluntary disclosure. E la documentazione necessaria potrà essere presentata fino al 30 dicembre. La proroga risponde, si legge nel comunicato, “all’esigenza di riconoscere più tempo per completare gli adempimenti previsti, tenuto conto delle problematiche di recepimento della necessaria documentazione, anche in ragione del fatto che l’acquisizione richiede il coinvolgimento di soggetti esteri”. E arriva dopo che l’esecutivo Renzi, sempre con l’obiettivo di far decollare l’operazione, ha ridotto le somme da pagare e allargato l’impunità, tagliando il tempo a disposizione delle Entrate per sanzionare chi ha commesso reati tributari.
Il gettito ricavato dal rientro dei capitali verrà usato in parte – 728 milioni – per evitare “l’aumento dell’accisa sui carburanti che sarebbe dovuta scattare dal 30 settembre 2015 come clausola di salvaguardia per la mancata autorizzazione da parte della Commissione europea al meccanismo del reverse charge per l’Iva nel settore della grande distribuzione“. Quanto alla cifra totale che il governo conta di incassare, non ci sono indicazioni. Ma secondo l’Ordine dei commercialisti, compiaciuto per la proroga, si tratta di oltre 3 miliardi di euro. Considerando che “al 15 settembre erano state presentate circa 20mila domande e si stimava un gettito di 671 milioni, se ne venissero presentate oltre 100mila saremmo oltre i 3 miliardi”, ha fatto i conti il presidente dell’ordine Gerardo Longobardi.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Conti pubblici, Ufficio bilancio: “Perché Ue conceda di fare più deficit servono altre riforme”

prev
Articolo Successivo

Boeri: “Raddoppiati pensionati che emigrano, troppi assegni pagati a chi vive e versa tasse all’estero”

next