Sul Colosseo è stata edificata, nel breve giro di qualche ora, una monumentale fabbrica della manipolazione. L’assemblea sindacale indetta dai custodi, convocata secondo le regole e concordata con la Soprintendenza nel rispetto delle norme, è stata trasformata in un selvaggio teatro di nullafacenze, di distruttori della buona Italia, di cattivi cittadini che pensano solo a sdraiarsi al sole. La quantità di bugie immesse in un solo pomeriggio per costruire una realtà di comodo non ha paragoni. Il sindaco di Roma è riuscito a parlare di sfregio alla democrazia, il premier di sentimento anti italiano, il ministro della Cultura di una disgrazia.

Hanno voluto trasformare tutti i lavoratori in infaticabili fannulloni e annunciare, tra l’applauso beota di chi vomita solo slogan, un decreto vuoto e ammettendo ciò che ieri era stato taciuto. Cioè che da un anno ai lavoratori non vengono corrisposti né gli straordinari né i festivi.

Un governo decente, serio, responsabile e un ministro decente, serio e responsabile avrebbero dovuto spiegare e però dimostrare coi fatti, prima di attivare la grancassa mediatica, che quei lavoratori sono in realtà dei fannulloni, che l’assemblea sindacale è uno schermo dietro cui si nascondono migliaia di corpi vuoti, di gente che ruba lo stipendio. E avrebbe dovuto anche spiegare che se c’è chi ruba, ci sarà anche chi permette di rubare. E se il problema sono le norme troppo permissive ed esagerate forme di tutela, indicarle e cambiarle, denunciando i contratti integrativi ed eventualmente le intese sindacali.

Nessuno deve sottrarsi alla legge, ma se la legge presenta dei buchi e garantisce alcuni (i custodi?) diritti sproporzionati rispetto ai doveri, è obbligo di chi la legge la scrive rimediare.

Invece no. Con dichiarazioni di raro qualunquismo, e intercettando un clima generale giustamente indignato, si è voluto trasformare il lavoratore in fannullone, il sindacato in un clan di mediatori d’affari, e l’assemblea in un torvo consesso di distruttori.

Caro ministro Franceschini, se ci sono fannulloni (e ci sono) provalo e cacciali. Ma se sono lavoratori, rispettali. E fai in modo di pagare loro lo stipendio.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calo ammortizzatori sociali, Uil: “Conti non tornano. In 49 province zero ore di cassa integrazione ordinaria”

next
Articolo Successivo

Morti sul lavoro: lettera a Gino e ai lavoratori dimenticati

next