Vogliamo condividere con voi l’appello disperato di Daniela Conte, mamma del piccolo Ruben. Una storia che grida giustizia e civiltà. Vi preghiamo di diffonderla e di condividerla. Grazie

rubenCiao sono Ruben e sono illegale, inesistente, non posso uscire dal paese dove vivo, posso avere assistenza sanitaria solo al pronto soccorso. Non ho un documento perché il mio paese si rifiuta di trascrivere la mia nascita. Perché? Il mio atto di nascita porta il cognome di entrambe le mie mamme, regolarizzato dalla legge spagnola, paese dove vivo. Documento non ammissibile per la legge italiana che non riconosce l’unione civile tra due donne. Tra l’altro non mi lascia nemmeno avere la cittadinanza spagnola dato che l’Italia prevede che chi nasce fuori Italia, da donna italiana, è italiano! Grazie alla mia amica (architetto al comune) Renata Ciannella che ha smosso un intero ufficio a Napoli e parlato con il Sindaco De Magistris e il Dirigente dell ufficio anagrafe, il nostro caso non è invisibile. Purtroppo il Dirigente ha dovuto applicare la legge italiana e non ha potuto, su nostra richiesta, trascrivere Ruben Conte Loi. Siamo in attesa di passare il caso alla procura di Roma.

VERGOGNA ITALIANA!

Barcellona 12/9/2015

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Eutanasia: nel mondo si decide, in Italia si tortura.

prev
Articolo Successivo

Migranti, il racconto del sindaco di Udine Honsell: “Case, canoniche e alberghi non bastano più. In attesa delle caserme li lascio per strada, sperando che non piova”

next