Al Festival della Rete in corso a Rimini dall’11 al 13 settembre si è parlato anche di bufale e trappole di internet. A spopolare sul web sono soprattutto quelle scientifiche. “Ci sono moltissimi casi in cui non si può neppure più parlare di bufala. Quando si diffonde l’idea che i vaccini facciano male e quando la gente smette di vaccinarsi, questo è un danno per la società”, spiega a ilfattoquotidiano.it Paolo Attivissimo scrittore, giornalista, blogger e debunker, cioè smontatore di bufale. Un altro ramo delle bufale online è quello sul meteo, con il diffondersi di siti che fanno del sensazionalismo sul clima: “Le scie chimiche sono le preferite dei complottisti. E’ una bella storia e si alimenta da anni”. “Chi fa del meteo-terrorismo invece è gente che vuole guadagnare con quelle notizie”, spiega la meteorologa Serena Giacomin. “Purtroppo chi diffonde queste notizie fa dei grandi danni soprattutto per la protezione civile”. Il rischio, a furia di lanciare allarmi e allerte sul meteo (spesso ripresi dai giornali e dai tg con grande enfasi) è quello di rendere la cittadinanza insensibile quando i pericoli ci sono davvero: “E’ come un al lupo al lupo – prosegue Giacomin – le persone poi non capiscono quanto è grave l’allerta lanciata dalla stessa Protezione civile o dal loro Comune”

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Venezia, bagno di folla per Vasco Rossi sul red carpet del festival del cinema

next
Articolo Successivo

Oncologia, le visite di controllo costano dieci volte più delle stime. Il piano per nuovi modelli di cura

next