Il rap è il genere musicale più di moda nel panorama italiano. E l’omaggio che dieci rapper rendono a Lucio Dalla in “Bella Lucio!”, disco in vendita dal 25 settembre su etichetta Pressing Line (distribuito da Sony) e già prenotabile su iTunes e Amazon, è un bell’esempio di commistione tra generi.

Dieci brani del grande cantautore bolognese (più una bonus track) sono stati riadattati in chiave rap. “Balla balla ballerino”, per esempio, è diventata “Mentre scrivo” di Mondo Marcio; Emis Killa canta “Stelle nel flipper”, versione rap di “Anna e Marco”; e ancora “Sotto lo stesso cielo” (da “Caruso”) di Clementino, e ancora brani di Rocco Hunt, Ensi, Moreno, Raige, Two Fingerz, Siamesi Brothers (Esa e Tormento). La bonus track, invece, è “L’impresa eccezionale”, trasformazione hip hop di Disperato erotico stomp realizzata dagli Articol0 31 nel 1996.

Il produttore artistico ed esecutivo di questo progetto è Franco Godi, artefice del grande successo discografico dell’hip hop italiano, mentre l’idea è di Marcello Balestra, amico di lunga data di Dalla e grande professionista nel campo dell’industria discografica.

Bella Lucio!” non è solo un disco-tributo a uno dei più grandi cantautori della storia della musica leggera italiana, ma l’ennesima dimostrazione di quanto Dalla fosse moderno, anticipatore di sonorità, generi e tendenze musicali. Il disco è, inoltre, il primo prodotto sfornato dall’etichetta Pressing Line, tornata sul mercato anche grazie al sostegno della Fondazione Lucio Dalla.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Letteratura e canzone: come imparare ad essere cantautori ‘letterati’

prev
Articolo Successivo

Ghost, ‘Meliora’ è l’album dell’anno?

next