L’ascesa politica di Jeremy Corbyn, grande favorito a diventare il nuovo leader del partito laburista britannico, potrebbe subire un duro colpo. Il candidato “socialista” di lungo corso e convinto pacifista ha ammesso di aver partecipato ad alcuni eventi organizzati dal gruppo Deir Yassin Remembered, fondato dal negazionista dell’Olocausto Paul Eisen.

La rivelazione del deputato laburista è arrivata dopo un duro attacco condotto dal Jewish Chronicle, quotidiano ebraico con sede a Londra, che lo aveva accusato di antisemitismo e di aver definito “amici” i rappresentanti di gruppi considerati terroristici come Hamas ed Hezbollah.

Il deputato inglese, guida dell’ala sinistra del Labour, ha però negato le accuse di avere simpatie antisemite e ha detto che, quando ha preso parte a quegli incontri, avvenuti quindici anni fa, Eisen non era ancora un negazionista. “Se lo fosse stato – ha spiegato il deputato del partito laburista – non avrei avuto nulla a che fare con lui”. Corbyn ha specificato anche di essersi avvicinato al Deir Yassin Remembered solo per la ragione per cui era nato il gruppo, che ricordava il massacro di palestinesi avvenuto a Deir Yassin, villaggio a ovest di Gerusalemme, nell’aprile 1948.

Nei giorni scorsi, inoltre, la candidatura a leader dei laburisti di Corbyn è stata duramente criticata da Tony Blair. L’ex premier britannico ha messo in guardia gli iscritti del partito per le sue posizioni anti-capitaliste, giudicando una “follia” averlo come nuovo capo del partito.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘Isis ha ucciso un leader di Al Nusra’. Agenzia siriana: ‘E’ stato esercito di Assad’

prev
Articolo Successivo

Migranti, Frontex: “Record sbarchi, 107mila ingressi in Ue a luglio”

next