mika675“Io non ce l’ho con i gay, ho tanti amici omosessuali”. La frase, che ascoltiamo o leggiamo con frequenza se non surrettiziamente omofobica (nonché autoassolutoria) è quantomeno stupida. Mai sentito un gay dire “Ho tanti amici eterosessuali…”
Normalmente poi al concetto segue un “ma” che ne rovescia sistematicamente e intenzionalmente il significato. Come quando il ministro Angelino Alfano, per contestare il mutuo per le coppie dello stesso sesso approvato dal presidente siciliano Rosario Crocetta, affermava: “Io non sono omofobo, ho molti amici gay, ma le risorse non possono che essere destinate alle famiglie normali e ai giovani che cercano lavoro”.

In quel “ma” e in quel “famiglie normali” c’è il condensato dell’odierna omofobia. Che condanna solennemente gli atti di violenza e le aggressioni verbali ma che poi, di fatto, considera le vittime degli anormali e nega loro il riconoscimento di alcuni diritti fondamentali.

In queste ore si moltiplicano le frasi sdegnate di tanti esponenti politici per la scritta “frocio” sul manifesto del cantante Mika (e bene ha fatto l’artista anglo-libanese, per rompere il silenzio, a trasformarla nell’immagine di copertina del suo profilo Twitter). Ma da domani cosa cambierà?

L’Italia è stata condannata dalla Corte europea dei diritti umani di Strasburgo perché non riconoscendo le unioni tra coppie dello stesso sesso ne sta violando i diritti. E mentre 22 Stati europei prevedono, attraverso leggi o norme, il reato di discriminazione basato sull’orientamento sessuale in Italia la proposta di legge sull’omofobia è ferma al Senato da due anni .

Perché abbiamo tanti amici gay ma prima veniamo noi “normali”.

@s_corradino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, da un mare di speranza a una Penisola di caos

next
Articolo Successivo

Migranti, costruiamo canali umanitari

next