Un padre amorevole, un genitore attento alla ‘diversità’ della sua piccola Charlotte costretta a portare un impianto cocleare all’ orecchio sinistro. Alistair Campbell, questo il nome del papà, ha scelto di rasarsi la testa e di farsi tatuare l’orecchio artificiale elettronico proprio sopra il suo orecchio sinistro. Charlotte è stata molto felice dell’idea paterna e ha commentato con un “cool” alla vista del tatuaggio. Il padre ha assicurato che si raserà i capelli quando ricresceranno e tutte le volte che la figlia avrà voglia di vederlo.

Charlotte Campbell vive con la sua famiglia in Nuova Zelanda e all’età di quattro anni le è stata riscontrata una capacità limitata di trasmettere i suoni al suo cervello. La foto che mostra entrambi gli apparecchi ed il profilo di padre e figlia è stata condivisa da migliaia di persone dalla pagina Facebook di The Lad Bible, ricevendo quasi 64.000 like in un giorno.

Getting through it together with his daughter…

Posted by The LAD Bible on Mercoledì 5 agosto 2015

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Sorpresa: il bacio non è romantico per tutti. E per una tribù brasiliana è addirittura “disgustoso”

next
Articolo Successivo

Gesti volgari in giro per il mondo: un libro ci aiuta a riconoscerli (e a evitare figuracce)

next