Accordo transattivo da 14,5 milioni tra Parmalat e Standard & Poor’s nell’ambito della controversia, pendente presso la Corte d’Appello di Milano, relativa al rating attribuito dall’agenzia al gruppo di Collecchio prima del crac del 2003: un più che ragguardevole BBB-/A3 tagliato solo a collasso conclamato. L’azione era stata avviata nel 2005 ed era volta al riconoscimento di danni per oltre 4 miliardi di euro.  “Per effetto dell’accordo transattivo, che non costituisce ammissione di responsabilità, Standard & Poor’s – spiega Parmalat – riconoscerà alla società la somma di 14,5 milioni di euro a fronte della rinuncia di Parmalat stessa alla prosecuzione del contenzioso pendente e ad ogni ulteriore richiesta risarcitoria connessa o relativa all’oggetto dell’azione risarcitoria. Resta precluso ogni ulteriore accertamento correlato alle questioni derivanti dai rating oggetto di causa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Veneto Banca, finisce l’era Consoli. Il direttore generale lascia ‘consensualmente’

next
Articolo Successivo

Renzi, Financial Times: “Non ha più vento in poppa. Taglio Tasi? Populista”

next