Con l’emendamento di Ap (Ncd-Udc) al DDL Penale che prevede l’introduzione del carcere per chi diffonde le conversazioni svolte di nascosto, si colpisce più il giornalismo d’inchiesta che la corruzione? “Questo è un emendamento che dovremmo valutare nell’impatto complessivo, perché in generale sono contrario alle sanzioni che prevedono il carcere per veicolazioni d’informazioni. Ho riserve di carattere generale, sulle sanzioni, ho delle perplessità, delle riserve e c’è una riflessione da fare“. Così risponde il ministro della Giustizia Andrea Orlando ai microfoni de ilfattoquotidiano.it. Poi continua: “Va specificato che si va a colpire chi carpisce informazioni in via fraudolenta”.
Sempre ai microfoni de ilfattoquotidiano.it Orlando ha poi spiegato che: “Non è l’orientamento del governo prevedere la galera per i giornalisti, c’è ancora il bicameralismo, vedremo il testo finale” di Manolo Lanaro e Irene Buscemi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ddl penale, Sarti (M5S): “Bavaglio su intercettazioni? Sfiorata la rissa tra noi e Pd”

next
Articolo Successivo

Intercettazioni, dopo il caso Renzi-Adinolfi e le polemiche su Crocetta il governo lavora alla stretta

next