Dopo lo sgombero dalle palazzine di Quinto di Treviso, i 100 profughi, la cui presenza era stata contestata dai residenti di via Legnago, sono stati portati alla ex caserma Serena. Il gruppo di migranti è stremato dal caldo, dalle zanzare, da tre giorni sotto l‘assedio delle proteste dei residenti di Quinto che alla fine hanno ottenuto il loro allontanamento. “Siamo stati trattati come cani, ci hanno picchiato, ci hanno insultato”, racconta Alou, un ventenne del Mali. “Tuttavia io non intendo dire che tutta Treviso sia così, mi riferisco solo a quella zona”. Molti dei residenti delle palazzine di Quinto avevano paventato con la loro presenza rischi per i bambini: “Dicono così solo perché abbiamo la pelle nera”. L’unico a parlare assieme ad Alou è Antonio, un ragazzo che preferisce non rivelare il Paese da cui proviene e che al collo porta un rosario bianco: “Penso l’Italia sia il posto giusto, anche perché è il centro della cristianità. Ma stare sotto assedio, chiusi dentro a chiave – dice riferendosi alle proteste dei cittadini di Quinto contro la loro presenza – non è stato bello”. Intanto anche fuori dalla caserma ci sono già le prime proteste: una manciata di residenti e due consiglieri comunali della Lega Nord danno vita a un confronto molto acceso con il presidente di una delle associazioni che si occupa dei migranti: “Io sono sotto sfratto – spiega una ragazza da forte accento veneto – e mi hanno detto che non mi potevano aiutare perché prima di me c’era una famiglia marocchina”  di David Marceddu e Giulia Zaccariello

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, vox a Treviso: “Li abbiamo cacciati. Ora i bimbi possono giocare fuori”

next
Articolo Successivo

Pedofilia, dopo l’arresto di don Manca un altro sacerdote indagato a Cagliari

next